UNA PRESA PER I…. FONDELLI !!

Aprile  2007 :  Il Ministero della P.I., sotto la spinta emozionale legata ai vari filmati di malvissuto scolastico resi pubblici tramite internet, e ai fatti assunti all'onore della cronaca nera con radici legate anche al mondo della scuola, ha elaborato delle linee guida per un processo di revisione delle "Indicazioni Nazionali" per la scuola, insediando una "Commissione Nazionale" (penso pagata adeguatamente), per l'elaborazione di due documenti, il primo "finalizzato a delineare la cornice culturale entro cui svolgere l'azione educativa.." ed il secondo  ".. di carattere pedagogico – didattico indirizzato a delineare l'idea di scuola… nel nuovo quadro dell'autonomia." Poi si parla di sottoporli ai vari"soggetti culturali.."ecct ecct. !
A questo punto il turpiloquio mi esce fluente, decisamente poco consono con la mia figura di signora ex docente ormai (per fortuna!!!) in pensione. Perché?…
Perché la circolare del Ministero della P.I.  n°45 dell'8 febbraio 1995 , ricevuta dal Provveditorato di Bergamo il 1 marzo 1995 prot.264, e ritrasmessa alle scuole, con
oggetto: Attività di prevenzione ed educazione alla salute : riflessioni e trasmissione di documenti elaborati in sedi nazionali ed internazionali da esperti e da studenti.
parla degli stessi argomenti, facendo riferimento "..allo scopo di rinforzare un'attività preziosa e delicata, che tutta la scuola, in tutte le sue componenti e in tutti i suoi momenti operativi e organizzativi è chiamata a compiere,…" con progetti chiamati "Progetto giovani 2000" (ricordo che eravamo nel '95) "Centro di Informazione e Consulenza" (detto CIC), con riferimenti specifici alle "radici psicologiche e culturali" e ai documenti prodotti durante le Conferenze Nazionali del '93 ( titolo "Essere a scuola non esserci dentro") e del  '94 , nonché alla "Conferenza di Servizio" di Bellaria del 11 -13 ottobre 1994.
A seguito di questa, nel 1995 ho presentato un progetto articolato per il CIC, figlio del "Progetto giovani 2000" dell'anno precedente, che posso "a gratis" regalare a chiunque ne faccia richiesta, nel quale sono tutti presenti i punti focali toccati dai "documenti" della Commissione attuale.
Il meglio è che faccio riferimento specifico al disagio adolescenziale, che induce a comportamenti inadeguati, e propongo attività che possano migliorare la situazione. Il progetto, approvato da Collegio Docenti e Consiglio d'Istituto, è seminaufragato per la solita esiguità di risorse, sia umane che monetarie, portato avanti caparbiamente da uno sparuto drappello di "volontari", che davano l'anima per cercare di offrire un vero "servizio" e non il solito maquillage di facciata. E così è stato l'anno successivo, e quello successivo ancora, e così avanti fino allo scorso anno.
Accidenti! Le scuole fanno educazione alla salute, educazione sessuale, educazione alla non dipendenza, ed altro, con fondi talmente limitati che ci si vergogna nel chiedere aiuto agli "esperti" per il compenso sempre inadeguato. Eppure si trovano persone che lavorano per un semplice rimborso spese, pur di aiutare i ragazzi, ma questo non risulta, perché ciò che sento sempre è solo la distruzione della categoria docente, e quello che vedo ora è l'occhio umido del Ministro, che fa insediare una Commissione ad hoc per fare un lavoro già fatto e dimenticato in qualche armadio.
Ogni volta che cambia il Ministro viene gettata nel cesso l'acqua del bagnetto con tutto il neonato dentro, tanto, con grande soddisfazione economica di qualche "amico dell'amico", si può rifare un pupo geneticamente selezionato!
Dall'informazione che viene osservando, anno dopo anno, l'andamento delle cose che ci riguardano, mi domando : "Ma come fa la gente a non accorgersi di come viene presa per i fondelli?"  E mi rispondo ." Se ne accorge! Ma o le sono stati tolti gli strumenti per reagire, o c'inzuppa il biscotto pure lei e così "je và a faciòlo"!"
UNA PRESA PER I…. FONDELLI !!ultima modifica: 2007-04-20T20:35:15+02:00da serenity48
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “UNA PRESA PER I…. FONDELLI !!

  1. C’è troppa libertà nel divulgare video o immagini, basta una semplice iscrizione dicendo anche la non verità delle generalità che puoi caricare e rendere pubblica qualsiasi cosa. Ecco è li, sui gestori dei provider che bisogna intervenire. Buon fine settimana cara Anna da Giuseppe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *