I MIEI SESSANT’ANNI

 Et Voilà!    Questa mattina alle nove e trenta  ho percorso l’ultimo minuto del mio cinquantanovesimo anno di vita.

2047865052.JPGCon oggi posso finirla di sentirmi millantatrice quando dico che ho sessant’anni.

Dallo scorso gennaio, essendo della “classe ‘48” ho cominciato a sentirmi una “sessantina” come dice Camilleri, ma solo da oggi posso accedere alle varie agevolazioni per la terza età.

Sinceramente non me ne frega un tubo, è da quando sono nata che osservo la mia vita come se fosse un esperimento, cercando di ottenere da ogni momento il risultato migliore, analizzando ciò che mi succede ed ipotizzando quanto potrebbe succedermi con il distacco della curiosità. 1875755965.jpg

Quando ero incinta non mi preoccupavo per ogni nonnulla, anzi ero curiosa di sentire “come sarebbe andata a finire”. Il giorno del parto, dopo che avevo deciso io la scadenza del tempo di gravidanza ignorando quella calcolata dal ginecologo risalente a due settimane prima,  alla prima doglia mi sono limitata a prendere il caffè, poi mi sono fatta la doccia con calma, e mi sono fatta accompagnare in ospedale.  Il travaglio ed il parto sono stati favoriti dalla mia calma, infatti stavo sperimentando la nascita di un bambino.

Ora osservo i cambiamenti nel mio fisico, ma soprattutto nel mio carattere che stà diventando più instabile, e sfrutto bellamente il fatto di non essere più giovane per sfuggire da imbarazzi o situazioni ingrate.  Ogni età ha i suoi vantaggi!!

Guardando la scatola dei miei ricordi  mi accorgo che diventa sempre più grande.

Quando faccio passare tra le mani quello che contiene ripercorro una vita intera, e talvolta cerco di raccontarla a mia figlia perché penso che la nostra immortalità sia legata al nostro 728613146.gifpassato ed al ricordo di chi ci seguirà, e che questo sia legato ad una foto, ad uno scritto, ad un oggetto che passa di mano in mano, da genitore a figlio, intriso della personalità di chi lo ha tramandato,  avvolto nella leggenda  del tempo passato.

All’anulare della mano destra porto un anello, è molto semplice ma ricorda ben tre generazioni e forse più. Mia madre lo tolse dal dito di sua madre alla sua morte ed io lo tolsi dalla sua. Quando l’angoscia mi stringe la gola le mie dita lo accarezzano e la forza di una discendenza mi aiuta a continuare la mia strada.

I MIEI SESSANT’ANNIultima modifica: 2008-07-27T19:07:00+02:00da serenity48
Reposta per primo quest’articolo

12 pensieri su “I MIEI SESSANT’ANNI

  1. Ciao Anna…auguroni!!
    Io sono appena rientrata da un’impegno che mi ha presi alcuni giorni, ora mi riorganizzo e poi ripasserò.
    Ps:credo di aver letto e visto nostalgia e serenità. Emozioni queste e sentimenti che sono il frutto di una felicità passata ma ancora ardente!
    kisses

  2. Ciao, non pensavo avessi comprato il mio libro, lo avevi accennato poi non mi avevi detto più niente… Grazie per la bella “improvvisata”, sono contento se ti ho suscitato sensazioni positive…
    Lo scorso week end ho letto il tuo, volevo rileggerlo prima di dirtelo perchè, complice la scorrevolezza, l’ho letteralmente divorato. Rileggendolo potrò soffermarmi meglio su tanti dettagli è un po’ una mia abitudine, rileggere prima di archiviare…
    Come primo acchito mi è venuto istintivo pensare: “L’avessi avuta io una vice-preside così..!”
    A presto per l’opinione definitiva!

  3. auguri da tutta la tribù! posso rivolgerti una richiesta?
    per cortesia, aderisci anche tu?
    grazie
    Se vedi un animale abbandonato invia un SMS al
    334.105.10.30
    E’ un’ iniziativa di Autogrill e Polizia Stradale.
    http://www.prontofido.net/
    Copia questo testo e postalo nel tuo blog
    Copia questo testo ed invialo via sms e via mail ai tuoi amici e conoscenti
    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *