GODO COME UN TARLO !

44187b31932cd87957fc9a830936d232.jpgOh Sii ! Mi sto veramente divertendo, e come si dice “godo come un tarlo”.

Chissà come godono i tarli.. questo strano modo di dire forse nasce dal fatto che fanno quel rumorino strano che  li fa apparire ingordamente felici? O forse qualcuno, non avendo di meglio da fare ha studiato la loro “vita privata” concludendo che possono darci delle lezioni? Boh!

Tornando a bomba, mi sto divertendo a seguire lo sconquasso che le parole di Di Pietro hanno portato nel mondo della comunicazione, soprattutto quella televisiva, ma anche della carta stampata.

Stamane,(mercoledì 20), mentre sorbivo il mio solito beverone colazionesco davanti al piccolo schermo sintonizzato su canale 5, mi son goduta un “balletto “ sottoforma di pseudoinchiesta-politico-giornalistico-informativa  sul problema dell’ unica rete per Mediast.

-“ Lei, dipendente di Mediaset, che cosa pensa se le cancellano due reti?”

Ma che cavolo vuoi che ne pensi!, Peste e corna ne pensa!!!!

-“Lei, che fa il giornalista pensa che sia messa a rischio la libertà di informazione?”

Eccheccavolo! Quello ci mangia nel vostro piatto ed abbiamo ben sperimentato che non è un accidenti libero di informare, ma deve seguire le linee guida del padrone, ovvio che strilli come una gallina inseguita dal gallo!

Se si tolgono due reti alla Rai e una a Mediaset ( visto che la ferequenza di Rete4 è già di Europa7 per sentenza addirittura della Corte Europea del Lussemburgo.  Nell’ignoranza generale dovuta alla non informazione politicamente guidata, c’è stata infatti una sentenza che condanna l’Italia ad una multa di 350-400 mila euro al giorno, con effetto retroattivo dal 2006 se nel 2009  non è risolto il problema del pluralismo nell’informazione. Questo vuol dire che gli italiani, tutti!!, pagheranno all’Europa e ad Europa7 cifre da capogiro, perché tutti i governi dal ‘94 a oggi hanno fatto orecchie da mercante e leggi ad personam), se, dicevo, restano una rete alla Rai ed una a Mediaset, le frequenze libere non vanno a finire nelle discariche abusive della Campania, ma vengono attribuite a nuove reti private, che assumeranno personale, avranno nuova creatività nella programmazione, varietà e libertà nell’informazione, grazie alla vera concorrenza, e non a quella di facciata che si scopre tramite intercettazione telefonica.

Per la carta stampata poi …!

-“Perderanno il lavoro centinaia di giornalisti!”

Prendendone uno a caso, solo Feltri piglia dal suo giornale la bellezza di 18000 € al mese. Lasciamogliene 6000, che mi sembrano sufficienti per sopravvivere, con i rimanenti 12000€ al mese ci si possono far vivere 10 giornalisti precari, che attualmente beccano 5€ a notizia nelle agenzie, con un limite mensile che non supera i 1000€.  Per non parlare degli sprechi legati al finanziamento a giornali che non hanno neppure per lettore i due giornalisti che li redigono, ma hanno il contributo statale diviso tra il politico di turno e qualche altro faccendiere.

-“Si vuole sopprimere la libera informazione e la professionalità dei giornalisti.”

SIiii, quella libertà di dire solo ciò che è politically correct  e quella professionalità che fa sbagliare i congiuntivi nello scrivere come ancor di più nel parlare in TV.

La classe politica poi con piglio severo si oppone o si impegna a.. mostrando ampiamente le terga nude offerte all’incanto.

Ho l’impressione di star osservando un formicaio nato sotto un vaso da fiori scoperchiato all’improvviso, con le formichine terrorizzate che corrono intorno cercando di rimettere tutto a posto, proteggendo quello che hanno con tutte le loro energie. Ed ho anche  lo stesso impulso, quello di pestarci sopra di secco dopo aver magari spruzzato del DDT. Se volete farvi il formicaio ance9425e23962b3e28c68160a0997b98f.jpgdate lontano dai miei vasi!

Questi “signori” son talmente intrisi del loro egoistico tornacontismo da continuare imperterriti a begare per avere l’accesso al governare e non si rendono conto che chi guarda dal di fuori si gode le scenette pigliandoli in giro a dovere e disincantatamene dall’alto della propria integrità  attivando lo sciacquone li consegna alle fogne cittadine.  

GODO COME UN TARLO !ultima modifica: 2008-02-24T18:43:46+00:00da serenity48
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “GODO COME UN TARLO !

  1. Un bel post verità, senza peli sulla lingua.

    No specchio, mai più ti guardo
    perché tu sei bugiardo
    rifletti solamente
    ma non entri nella mia mente.

    Un paragrafo del mio ultimo post,

    buon inizio settimana.

    Ciao da Giuseppe.

  2. Cara Anna, il tuo post e’ un fiume in piena, tutte cose vere quelle che scrivi ma riusciremo a giungere a una soluzione oppure gli interessi privati continueranno a prevalere? Ai posteri l’ardua sentenza
    Buon inizio settimana
    Sergio

  3. Io spero proprio che questa volta mettono un pò da parte la loro ingordigia e pensano un pò di più al paese che ormai è in ginocchio, invece di continuare a finanziare con i nostri soldi quello che fa più comodo a loro.
    Ciao Anna buona giornata

  4. Anna io sono una ex giornalista che al tempo delle lire veniva pagata 10 mila lire al pezzo. Figuriamoci se non concordo.
    Politica e giornalismo sono caste contigue e spesso annodate a doppio filo.
    I giornalisti onesti sono quelli che spesso anzichè guadagnare hanno pagato…anche con la vita.
    Ciao Cristiana
    PS In carrozza. Biglietto gratis.
    La destinazione l’ho scelta io e declinata in molteplici scorci sulla mia homepage. Vieni a trovarmi.
    Cristiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*