“ Tour operator” ?!? Olèe !!!

<< ROMA (26 ottobre) Per il ministro delle Riforme Umberto Bossi ci vorrebbero delle graduatorie regionali per gli insegnanti, da sostituire a quelle nazionali per evitare che i prof si spostino in continuazione «come in un tour operator». Durante un comizio che ha tenuto a Sotto il Monte…>>1946524832.jpg

Questa la trovo decisamente esilarante! Se non ricordo  male quando si iniziava a parlare di tagli sulla scuola si disse che i  docenti in esubero avrebbero potuto essere impiegati nel settore turistico… Che sia stato un “ lapis froidiano” (Lapsus freudiano)?

Mioddio, il discorso delle graduatorie regionali ha un senso se ci si riferisce alle supplenze brevi durante l’anno scolastico, perché è più facile “trovare” chi accetti 15 giorni di lavoro precario magari a 50 Km da casa che a 800, è invece cosa diversa se la supplenza dura più di 30 giorni. Ma con questi chiari di luna è un problema assolutamente inutile da porsi, visto che nelle scuole non ci son fondi per pagare i supplenti. Allora “L’è tant per dir..” !

Poi parlando dell’opportunità della riforma ha detto..«.. Senza contare poi che c’è il problema che al Sud è più facile 322297016.jpgavere voti alti che favoriscono nei concorsi. Io mi auguro che la Gelmini stia in forza e continui sulla sua strada», dimenticando , il tapino, che la suddetta ha sostenuto l’esame di Stato per la professione di avvocato presso la Corte d’Appello di Reggio Calabria nel 2002, dopo aver svolto il primo anno di praticantato a Brescia e il secondo nella stessa città di Reggio Calabria, o forse lo dice in conferma che..?

Aggiunge poi.. «Sembra davvero un nuovo ’68 . Io lo sapevo che se si cerca di modificare la scuola la sinistra si scatena, non ha più gli operai e adesso usa come motore gli studenti».

Già, non ci sono più gli operai, perché son tutti “a spasso” visto che l’attuale situazione delle banche ha messo tanti 219618926.jpgpiccoli imprenditori con crediti provati in crisi di liquidità, pertanto in condizione di lasciare a casa la manodopera, iniziando da quella precaria e, purtroppo, spesso finendo anche con quella a tempo indeterminato. Il dorato mondo della finanza se ne frega, tanto scarica ora ed ha scaricato in passato ogni perdita sulle fasce deboli con incredibile disumanità.

Chissà perché si sente dire che mentre i consumi legati ai generi di prima necessità continuano a contrarsi, quelli dei prodotti d’elite sono in crescita. Sicuramente il “Mario Rossi” nazionale, operaio con il mutuo, non si mette in coda per comperare la Ferrari , né investe in arte o gioielli. Anzi non ha neppure il fiato per gridare la sua rabbia!

Nel ’68 ero all’Università, ed ho vissuto il cambiamento in prima persona, quindi posso ben testimoniare che sono due  situazioni assolutamente diverse.

Allora  c’era in ballo una trasformazione sociale, i giovani chiedevano una “modernizzazione”, un adeguamento della struttura che favorisse la diffusione della cultura.

Oggi lottano per non morire strangolati da un taglio dei fondi statali, e dalla “privatizzazione” degli atenei che porterebbe ad un aumento vertiginoso delle tasse universitarie,  che si rischia diventino  come in America rendendo la laurea un privilegio.  Naturalmente il peggio sarebbe per le facoltà scientifiche, quelle che devono offrire laboratori adeguati, nei quali si fa spesso quella ricerca di base che poi sviluppata porta alle “scoperte del secolo”.432072576.jpg

 Una vita fa  ho costruito apparecchiature di distillazione usando perfino i secchi di latta come “bagnomaria”, per la scarsità di risorse, ma quante cose ho imparato a fare!  

Oggi vogliono rubare anche i secchi, e con questi l’allegria dei giovani che già stanno guardando al loro futuro nella prospettiva di emigrare, come sta succedendo a mia figlia ed a molti dei suoi colleghi.

E nel frattempo sui giornali ci triturano gli zebedei con la “guerra di cifre” sui partecipanti alla manifestazione del Circo Massimo. Come fosse importante un numero! Erano tanti, punto. Erano quelli che erano, punto.

Il Circo Massimo.. ci correvano le bighe, ora ci fanno correre le beghe, quelle piccinerie che non hanno nulla a che spartire con la vita di troppa gente, quella stessa gente che dicono li abbia “legittimati” a far ciò che fanno.

Mentono sapendo di mentire! Nessuno di noi “popolo cencioso e cane” ha messo una crocetta sul nome del “suo” rappresentante, ma si è dovuta accontentare di scommettere su di un gruppo di partiti, sperando che alle parole seguissero i fatti, mentre son seguiti solo spot mediatici, dietro ai quali è nascosto il più becero abuso, quello delle leggi ad personam e del taglio al sociale.

“ Tour operator” ?!? Olèe !!!ultima modifica: 2008-10-26T18:27:00+00:00da serenity48
Reposta per primo quest’articolo

13 pensieri su ““ Tour operator” ?!? Olèe !!!

  1. negli anni ’70 bossi era studenter fuori corso di medicina a pavia e aderiva alottacontinua. ppoi , essendo fallito come studente, si è dato alla politica, che oggi è l’equivalente dell’ippica, al mio paese dicono quand que la m….. la munta an scagn o la spusa o la fa dagn. lui fa entrambe le cose ed è perfettamente inserito nell’attuale governo

  2. Ti assicuro che la mano è sul tavolo: la fonte di ispirazione per la mia idea esiste in carne e ossa e si becca poco meno di 200.000 euro lordi l’anno per surfare su internet…
    Ciao Anna!

  3. Parole sante cara mia….ma contro il malcostume….non c’è che la beata semplicità !!! mi si preparano giorni di battaglia. ti farò sapere
    saluti fabri

  4. E’ talmente chiaro quello che scrivi che c’è poco da AGGIUNGERE.
    E’ vergognoso vedere che la Gelmini fa come tutti… trova una scappatoia per superare un esame e poi cerca di nasconderla, così non ha rivali. Siamo alla solita falsa demagogia.
    Chissà quale futuro attende questi giovani…

  5. Parlando di gatti capisco perchè senti la mancanza di Didi, io ho 38 anni e da quando sono nato ho sempre vissuto con i gatti, un paio di essi non riesco proprio a dimenticarli sono stati molto di più che un semplice animale da compagnia.

  6. oh mamma mia…corro a riparare…mi sono espresso male, lo faccio spesso!€: )
    tu hai detto le cose giuste, scritte per bene, volevo solo farti notare che la differenza delle cifre sta nell’intento di chi le dichiara, e le cifre diventano un pretesto, più che un motivo di orgoglio.
    Allora, anceh chi ha partecipato con orgoglio, viene cosi umiliato, si sente usato, frustrato.
    Non volevo insegnarti niente ( a te? Io ?), ho fatto il furbo per richiamare la tua attenzione sul mio post. €: )
    ciao anna, è un piacere scambiare opinioni con te.

  7. Anche questo è un post molto valido ed efficace.
    Voglio ora aggiungere un commento sul post precedente:
    Anch’io per incompetenza non sto a sentenziare sugli alti e bassi delle borse, penso però che Berlusconi approfittando della sua posizione di potere ci guadagnerà un bel po’ di soldi.
    Quanto alla scuola cosa vuoi che dica? Mortificare la scuola pubblica è mortificare la democrazia, quello che in realtà vuole questo governo.
    Sono sempre più furioso, tuttavia dà sollievo leggere il tuo blog che lotta efficacemente contro quelli che pensando ai loro interessi avviliscono l’Italia.

  8. Ci vogliono far credere che tra non molto si decollerà nuovamente, in realtà si tracollerà….colasserà definitivamente!!
    Mai come ora il detto “si salvi chi può” calza a pennello.
    Io, ascoltando i consigli del Capitan, mi sono messa al riparo già da due anni.Mi è andata di lusso, perchè oggi anche volendo, non mi sarebbe più possibile farlo.
    kisses

  9. ciao! anche mia figlia appena laureata deve prendere la via dell’estero per fare ricerca e anche ben pagata… là l’aspettano a braccia aperte, qui un calcio in culo…assurdo e suicida per un popolo che crede di far parte di una grande nazione…. sì del terzo mondo visto come tratta i suoi cervelli!
    staremo a vedere… buon fine settimana Anna

  10. Pingback: TOCCARE IL FONDO E’ IMPOSSIBILE - A.A.A opinioni e pensieri in libertà offresi..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*