CHE MONDO DI ROSPI !

Hum35.jpgTanto per parlare di cose nuove.. è “riscoppiato” il discorso  sull’età in cui sia possibile andare in pensione per le donne.

Ascoltando i commenti alle “novità”  nei vari servizi e talk show che ciclicamente qualcuno tira fuori “tanto per..” ho riprovato un forte senso di ribellione nei confronti della frase : “ avete (o abbiamo) voluto la parità..” .

La parità! Come se si trattasse di una partita !

In quelle parole e nel tono usato per proferirle c’è l’opinione che la donna sia inferiore e che ci sia stata una “concessione” da parte dell’universo maschile affinché venisse superato il gradino anche se immeritatamente, e nel lavoro non apparissero evidenti diversità. Ancora una volta si dimostra che l’opinione radicata che la donna sia un essere adatto solo alla maternità ed ai cosiddetti lavori femminili con essa strettamente collegati è proprio dura a morire!

Ormai dovrebbe essere acquisito il fatto che uomo e donna non sono eguali, ma son pari nella loro diversità. Knife_Toss.jpgInvece la partita a due vuole ancora essere uno scontro per la supremazia invece di una corretta collaborazione.

Leggo sempre più spesso di comportamenti violenti nei confronti delle donne, da quelli familiari a quelli sociali, di discriminazioni lavorative o di sfruttamento. Ma nel parlamento, che dovrebbe legiferare in merito, ci sono poche donne e tanti uomini, uomini che per l’età, e spesso per l’estrazione culturale, hanno radicato il concetto di donna “subordinata”, quindi si lascia ad una lunga e faticosa discussione  parlamentare  le norme sulla violenza in famiglia, contro le donne e lo stalking, tanto  il dolore di chi dovrà subire ancora non influenza coscienze che non esistono.

Pazienza! La mia pazienza. Quella di una donna fortunata. Quella di una che non accetta barriere.

Tutte le luci del mondo politico sono accese sulle dispute per il consenso delle platee, sui proclami dei “regnanti” in favore o contro, sulle corse a puntare l’indice contro chi scopre le loro magagne, per coprire tutti con il loro stesso fango.

C’è una poesia di Trilussa molto significativa.. s’intitola 

LA COLOMBA

Incuriosita de sapé che c’era,

una Colomba scese in un pantano,

s’inzaccherò le penne e bonasera.colomba.JPG

Un Rospo disse: — Commarella mia,

vedo che, pure tè, caschi ner fango…

– Però nun ce rimango… –

rispose la Colomba. E volò via.

Il mondo dei rospi non si rende conto che “di fuori” è pieno di colombe dalle piume pulite che vogliono che il sole illumini i pantani e li prosciughi, e che i rospi tornino alle loro paludi a gracidare alla luna.

CHE MONDO DI ROSPI !ultima modifica: 2009-01-16T19:25:01+01:00da serenity48
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “CHE MONDO DI ROSPI !

  1. weeeeeee anna qundo avrete la stessa misura di collo della camicia sarete simili, mai uguali figuriamoci pari nno dire stupidagini pure tu, inoltre andate in pensione 5 anni prima volete la parità? andate in piazza a protestare per andare in pensione 5 dopo che poi ne riparliamo tiè beccati questa

  2. ciao annuccia. si il mio ufficio è proprio al 25° piano, peccato che l’ascensore si fermi al 23 perché prima del mio ufficio nel sottotetto c’erano le centrali telefoniche. ora sono in mezzo ai quadri elettrici, di fianco ai locali macchine ascensori. molto bohemienne…..

  3. Cara Anna, come sempre hai fatto centro, ma in un paese come il nostro la parità è al momento un’utopia, viene sbandierata come raggiunta, ma è ancora lontanissima, come sono lontanissime altre conquiste delle quali sembra non interessare niente a nessuno, come laicità, senso civico etc.
    Ma molte, troppe, donne hanno una grave colpa: accettano di essere arma di pubblica seduzione, basta vedere la prostituzione morale di tutte quelle che si prestano a comparire in televisione in funzione del loro corpo e non del loro cervello. Per non dire delle madri che ce le mandano, che sono delle vere maitresse. Nulla contro la seduzione in privato che è una grande arma di conquista, ma vale anche per gli uomini…
    Ciao, apresto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *