COME SPAZZATURA

Mi guardo allo specchio e vedo un essere umano con gli occhi pieni di tristezza. Non vedo una donna, ma una mamma, una figlia, una compagna di vita, un agglomerato di sentimenti e fragilità, forza e debolezza, desiderio di esistere e di sparire, cioè un essere vivente come tutti gli altri. Come tutte le donne del mondo. Come tutti gli … Continua a leggere

FREDDO NEL CUORE

Dopo duemila e più anni di esistenza degli esseri umani  riuniti in gruppi, collettività, e le donne pagano ancora il fio dell’ignoranza e della brutalità delle società in cui vivono. Il maschio usa la sua aggressività per sentirsi dominante e la donna soccombe vittima dell’ignoranza più assoluta. “ Essere uccise per aver messo al mondo una figlia ” Un marito e una suocera … Continua a leggere

A TESTA ALTA…

Vivere un’intera esistenza guardando dritto negli occhi chi hai difronte non è stato facile. Tener dritta la schiena nell’affrontare il mondo ha avuto le sue conseguenze. Ma se guardo indietro sono orgogliosa di ciò che vedo. Ho costruito un pezzettino di società “pulita”. La mia famiglia. Senza raccomandazioni, senza agevolazioni, senza compromessi. Se favori mai son stati chiesti lo sono … Continua a leggere

CONCIATI PER LE FESTE!

E’ un paradosso sentir parlare di “difesa della vita” da parte di gente che, solo per cavalcare l’onda del potere, condanna alla tortura,  allo stupro, a morte centinaia e centinaia di persone colpevoli solo di tentare di sfuggire ad una vita-non vita, segnata da fame, guerre e barbarie. E’ una tristezza osservare come si voglia celare un “potere temporale” sotto … Continua a leggere

IL “CONTO DELLA SERVA”

Sono veramente perplessa .. Da “Il Messaggero” MILANO (6 novembre) – Quando la moglie non lavora, i soldi del conto corrente di famiglia sono tutti del marito, in quanto unica fonte di reddito. La consorte casalinga, anche in presenza di comunione dei beni, non può vantare la proprietà di quei soldi. È uno dei passaggi cardine della sentenza, da poco … Continua a leggere

ESSERE DONNA…

·                    Anni ’60. La finestra della stanza del vecchio convento riconvertito in liceo scientifico incorniciava una larga lama di sole, quel sole di maggio che riempiva le menti degli allievi di immagini di libertà. La vita premeva contro il muro della lezione di latino, ed i secondi erano minuti, ed i minuti ore.. Quel largo grembiule nero che doveva celare  … Continua a leggere