GIURO CHE CI HO PROVATO !

Giuro che ho provato più volte ad ascoltare la “Lezio Magistralis” del Dicuius sulla buona scuola, ma non ci sono riuscita. A vari intervalli di tempo ho dovuto interrompere la visione per sopravvenuto attacco di nausea.

E’ palese la preparazione di un set ad hoc basato su stereotipi di antica memoria atti alla rassicurazione del pubblico.

Lo sfondo della biblioteca a parete con tomi rilegati in pelle, e la vecchia lavagna nera, di quelle che si possono girare e che una volta venivano usate come angolo di castigo per gli indisciplinati.

Un docente in camicia e cravatta con gesso in mano e fare tipico del maestrino che si rivolge alla classe di ragazzini ignoranti e duri di comprendonio.

–       “Adesso vi spiego con parole semplici e schemini adatti ai deficienti più incurabili che non avete capito nulla di quanto io sia buono e bravo e voglia fare il vostro bene!

Da cittadina, ed ex docente, mi sono sentita insultata, denigrata, offesa, come solo una volta nella vita mi era già successo, quando un medico ad una mia domanda specifica mi chiese “come mai sapevo quelle cose”. (Per inciso gli risposi che sapevo anche leggere e scrivere).

La sequenza logica dell’esposizione è da manuale di regole della comunicazione :

–       primo un elogio mascherato al pubblico per dimostrare l’empatia

–       poi un’esposizione delle intenzioni positive in contrasto alle opinioni negative

il tutto con fare colloquiale ed ammiccante.

–       Quindi lodi ai destinatari dell’informazione che non hanno colpe, ma sono stati solo male informati

–       A questo punto è giunto il punto focale dell’informazione per parole chiave scritte in fase di discorso così da sottolinearne la valenza

–       Infine l’esaltazione di quei provvedimenti che si suppone siano più d’interesse, e quindi con valore aggiunto, per la platea

La somiglianza con il pinocchio di Collodi ad ogni frase diventa sempre più reale, visto che il naso cresce ad ogni bugia.

Tangibile la supponenza traspare da ogni movimento, pur studiato da attore navigato.

Non mi dilungo sulla contestazione di quanto ascoltato perché ben chiaramente ne ho scritto, a partire dal post “La Scuola che vorrei” del 15 gennaio 2014, a “Era meglio morire da piccoli” di febbraio 2014, a “La Buona scuola” di ottobre 2014, a “Scuola: lei non sa chi sono io” di marzo 2015, a “Questi danno i numeri” del recente 24 aprile scorso (pubblicati nel mio blog ).

Vorrei solo spiegare al Dicuius che l’insegnamento è un mondo a se, e che nessun test Invalsi potrà mai quantificare il vero valore della scuola, perché, come disse il pedagogista svizzero Pestalozzi due secoli fa, “Per condurre qualcuno non  importa dove, bisogna prenderlo dove egli è”, dunque il più importante fattore che influenza l’insegnamento sono le conoscenze che lo studente già possiede, ed una qualsivoglia indagine comune a tutte le scuole ignora sempre il percorso compiuto, ma si limita a determinare il raggiungimento di un traguardo che non sempre (anzi quasi mai) è fondamentale per la crescita culturale di un ragazzo.

GIURO CHE CI HO PROVATO !ultima modifica: 2015-05-14T17:20:51+00:00da serenity48
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *