SCUOLA : LEI NON SA CHI SONO IO !

Foto-0185_2Ormai è lo sport della politica quello di voler mettere mano in settori dei quali non si conosce nulla facendo finta di essere esperti.

Si parla inglese maccheronico immaginando sia puro idioma, si interviene con piglio navigato su questioni sanitarie con la cultura di un pur ottimo liceo classico, si opera una riforma costituzionale  concepita in base agli interessi di parte con un voto espresso senza nemmeno conoscerne i contenuti. Si parla di riforma della scuola basandosi sui lanci propagandistici più che sulla realizzabilità degli interventi.

Se la scuola, pur interpellata in un sito dedicato ma ignorato da chi poi si pavoneggia, potesse parlare direbbe : “Parli di quel che conosce perché Lei non sa chi sono io!”

La scuola sono persone e non viti e bulloni, sono bambini, magari viziati  o problematici, sono adolescenti insicuri e spocchiosi, sono ragazzi tutti diversi tra loro, ognuno con le sue manie e con i suoi fantasmi.

La scuola sono uomini e donne che vorrebbero essere qualcuno ed invece sono stati etichettati come il peggior nessuno, che fanno del loro meglio nella maggioranza dei casi ma bollati dai comportamenti di quella minoranza infame statisticamente sempre presente.

La scuola sono spazi e tempi, spesso inconciliabili, ma che persone fantasiose hanno imparato a far coesistere.

La scuola son numeri soggetti a scelte individuali che variano ogni anno in tempi spesso incompatibili con l’organizzazione generale.

Cari governo et company, provate a mettere in orario 10-11 materie, alcune per 2 o 3 o 5 ore classe, su 30 ore settimanali, per 16-18 ore docente, per 30 classi su 24 aule più palestra e laboratori, con docenti e insegnanti tecnici previsti in contemporanea, che lavorano su più classi, ma non per tutte le ore, solo per quelle di laboratorio.

Provate a mettere sulla classe un supplente non docente della classe, che quindi non ha “merce di scambio” con i “fetenti”, perché gli adolescenti son furbi come il demonio ed esperti nel fancazzismo.

Poi : “il preside sceglie i docenti tra quelli in graduatoria”?  E chi determina quale preside sceglie per primo? E se piglia una fregatura cheffà se la tiene? E se è un preside di parte cheffà sceglie tutti dello stesso partito? (Non intendo politico soltanto, ma anche partito dei lecchini associati).

Nella mia lunga e perigliosa esperienza alcuni anni sarei stata una prima scelta ed altri sarei stata scartata come una mela marcia, vista la mia alternante situazione empatica con la dirigenza.

“Con l’organico funzionale si evitano le classi pollaio”.. eccome no!

Se dividi la classe raddoppi le ore delle 11 materie quindi servono docenti per tutte le ore e di discipline varie, oltre che aule su cui far ruotare le classi.

C’era una normativa che limitava il numero minimo e massimo di iscritti per classe, bastava quella per determinare l’organico, e la pratica delle supplenze brevi era affrontata con le ore eccedenti dei docenti sulle stesse classi, così, con buona pace dei ragazzi, si beccavano magari qualche ora  in più con quella belva della prof di  chimica che, pur facendo casino con loro, non permetteva di cazzeggiare.

Parliamo dell’orario pomeridiano : negli ITIS c’era e lo hanno tolto.

Se ti fermi al pomeriggio serve un servizio di mensa, o almeno di ristoro, con sorveglianza adeguata, ‘che già durante l’intervallo devi fare il segugio per evitare le “canne” ed il conseguente successivo rincoglionimento…immaginiamo una pausa per il pranzo..

Il discorso del curriculum flessibile è poi bellissimo!

Immaginare un adolescente che opera una scelta delle materie (del corso già esiste con una molteplicità che garantisce decine di percorsi diversi) è garantire uno squilibrio delle conoscenze basato su fattori empatici e di convenienza.

Tutte le altre amenità, caro governo dell’aria fritta, son secoli che girano, come i coglioni della gente oggi, e son secoli che le scuole fanno i miracoli per il bene dei ragazzi.

Il discorso dei soldi è infine la slide più bugiarda. E’ come “quella” che te la mostra sempre e non te la da mai, con le stesse conseguenze pratiche… ci fai il pensiero e poi te la prendi in saccoccia.

E la storia del 5 per mille alle scuole sai che casino!! Già non si capisce bene come funziona su un numero limitato di associazioni, se ci metti tutte le scuole d’Italia… o vanno prioritariamente alle scuole di Firenze e Roma?

Son pronta a pagare il viaggio dal Congo al padre di Cecile Kyenge purché faccia una maledizione, come ha fatto per Calderoli, che protegga gli italiani da questa manica di incompetenti togliendoceli di torno. Chissà che la magia nera non ci salvi!

SCUOLA : LEI NON SA CHI SONO IO !ultima modifica: 2015-03-14T17:14:38+00:00da serenity48
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*