FAVOLA DI NATALE

Un articolo letto in questi giorni mi ha riportato a rileggere un mio scritto di quasi 15 anni fa, nato dalla fantasia indotta dall’approfondimento di alcuni argomenti scientifici, necessario per la mia professione.

Rileggendo questo racconto di fantasia mi sono accorta di aver inserito informazioni corrette e facili da comprendere, ed un vero e proprio grido di dolore per la frustrazione  di chi cerca di comunicare e non viene ascoltato.LILY 1

Forse è vero che vengo da un mondo parallelo e per questo non capisco quello che mi circonda…

FAVOLA DI NATALE

Dietro i vetri della finestra la tenda ondeggiava leggera, quasi mossa da un alito di vento;

Seduta sul divano, la mano abbandonata in una carezza continua sulla testa del cane,  Madame  ne osservava il movimento, nella luce di ghiaccio del tardo meriggio di quella stupida giornata invernale. “Presto comincerà a nevicare”, pensava , ed il pensiero aveva il colore della luce e la lievità della neve, e non lasciava quasi traccia nella mente, mentre si allontanava nelle strade aggrovigliate del cervello a cavallo di un bizzoso impulso elettrico, che sconvolgeva gli equilibri cellulari in cui incappava.

Lentamente gli occhi  presero a fissare un punto lontano, creando contorni di ombre grigie, e nelle orecchie prese vita in suono, sempre più netto e sempre più vicino, una cantilena di natale, dalle parole senza senso, ma dalla melodia ben nota. ..” ..Ui .scio  ..Meri crismas…….. ui uiscio  a meri crismas end epi niu ir… ..” e di nuovo…e di nuovo…  Ma nella casa non c’era nessuno oltre a  Madame  ed al suo cane, e la strada era lontana , troppo lontana per un suono così netto.

La tenda oscillava sempre di più, ma non c’era alcun alito di vento, e la voce ripeteva all’infinito la cantilena, sempre più vicino alla signora che quasi per istinto protese una mano verso il suono ritirandola poi di scatto.

Aveva toccato qualcosa che però non vedeva!

Protese nuovamente la mano guardando attentamente la punta delle dita che ad un certo punto cominciavano a scomparire  ed iniziava la sensazione tattile. Poi anche la mano spariva e…

Il suono s’interrompe,  per un  attimo il silenzio prende la forza di un boato,  poi dal nulla dove spariva la mano arriva  uno scroscio di risa, la voce è melodiosa ed infantile

..” .. mi fai il solletico !!  Chi sei ? vedo solo le tue dita.. sembri una signora!…”

Madame cerca disperatamente di collegare le sensazioni tattili con quelle uditive e con i pochi elementi scientifici che avrebbero dovuto spiegare il fenomeno, ma lo stupore paralizza le sue facoltà.

La voce  riprende..

” Ehi!! Non ti spaventare!!  Non  c’è nulla di cui avere paura ! E’ solo un normale fenomeno fisico! Non te lo hanno spiegato a scuola?…”

Madame prende fiato e proferisce un “no” talmente flebile che non muove quasi l’aria.

..”.. Certo..” dice la voce “.. non mi capacito mai di come la mia dimensione, pur essendo parallela alla vostra  sia  tremendamente più sviluppata!.. forse sarà  merito della struttura dell’antielettrone  che riesce , con la sua carica positiva , a favorire tutte le attività cerebrali.  Evidentemente le sinapsi vengono attraversate più facilmente per uno squilibrio di potenziale opposto al vostro! ”

… Madame prende nuovamente  fiato e si raddrizza sul divano. Il cane non mostrava segni di nervosismo anche se seguiva attentamente le mosse della padrona. Forse non sentiva la voce…..forse si trattava di un sogno…

” Perché il cane non  sembra sentirti? …. Cosa significa antielettrone?..  dimensione parallela.. che cos’è?..”

..” Si, calma, ora ti spiego; Neppure io ti vedo ma ti sento soltanto, se passi attraverso la zona di perturbazione posso vederti, ma non lo fare totalmente perché poi non so se potresti rientrare nella tua dimensione, il passaggio potrebbe essere irreversibile o causare danni permanenti al ritorno. Sono colta ma non sono un’esperta del fenomeno.

Dunque.. sai che esiste l’antimateria… e che è formata esattamente come la materia che tu conosci, protoni, neutroni, elettroni, ma con cariche esattamente opposte, cioè il protone dei miei atomi è negativo, dei tuoi è positivo, ma hanno la stessa massa e la stessa disposizione nel nucleo. E così anche per gli elettroni che, per me , sono positivi per te negativi, l’unica differenza è nel campo generato dallo  spin……sai di che si tratta?”

…”no” ….

” Dunque.. l’elettrone gira su se stesso generando un campo elettrico, e sai che il campo elettrico è vettoriale, cioè ha una direzione ed un verso,   e il verso in questo caso è opposto nelle due dimensioni… quali caratteristiche determini ..non lo so.. , ma , se pure siamo uguali come forma e dimensioni , abbiamo occhi, naso, bocca, eccetera anche noi, pure siamo più  evoluti della vostra specie, i nostri esperti hanno inventato delle lenti particolari che permettono di vedere la vostra dimensione, e per questo so come sei fatta.

Ogni tanto tra la materia e antimateria si forma una specie di fascia di transito per cui possiamo entrare in contatto. Il Cane sente la mia voce ma non mi vede… quindi pensa sia la radio.. o la televisione…… voi siete ancora con la televisione non è vero?…… ”

..” Si, sono sconvolta! Perché  nessuno ha mai parlato di questo? …..eppure non devo essere stata la prima……”

..” Certo che no!.. non ci facciamo  sentire spesso, ci piace giocare sugli equivoci….  In fondo è la nostra televisione, giocare con voi…..Mai sentito parlare di fenomeni paranormali?..  Siamo noi che facciamo spostare i tavolini nelle sedute spiritiche! Come ci divertiamo a rispondere secondo scemenza alle vostre paure!…. Abbiamo dei piccoli apparecchi che si comperano nei supermercati, che ci permettono di attraversare le perturbazioni, ma voi non potete vederci perché non rifrangiamo le vostre lunghezze d’onda, ma altre a voi invisibili. Ho visto la tua mano perché stavo indossando gli occhiali dell’altra dimensione, li ho presi quando mi sono sentita toccare. ”

.. ” perché ti sento?”..

“ Perché  sfruttiamo le stesse lunghezze d’onda nel campo dei suoni, e questo ci permette di sentire da uno spazio all’altro. ”

…” Allora tutte le storie di fantasmi..”

” Ah! Ah! .. Certo ..è sempre molto divertente…  Pensa che la scorsa settimana ho comperato un pacchetto viaggi per un castello scozzese della vostra dimensione… in quella zona sono frequentissime le perturbazioni!!

Il prossimo fine settimana , con mio marito e la bimba andiamo a spaventare qualche turista in cerca di emozioni!!”..

.. ” Pacchetto turistico?..”

… “Certo…. Visitiamo la nostra Scozia  … e spaventiamo la vostra…..”

.. ” Ma non ci sono rischi?” ….

” No! .. forniscono tutta l’attrezzatura necessaria direttamente nel pacchetto!”…

“.. Ma il contatto tra materia e antimateria non dovrebbe creare  l’annichilimento della materia?..” …” Certo se avviene in condizioni di stato normale e non perturbato come ora!.. Nella perturbazione dimensionale le caratteristiche personali restano invariate ma non entrano in contatto  con gli opposti per una sorta di campo in opposizione… non lo so spiegare meglio… è un fenomeno legato al campo  elettrico generato dalle nostre strutture  opposte, che non si attira ma può coesistere.. non mi chiedere di più! ..”

.. ” Quanto dura questa perturbazione?”..

” E’ stata inattesa quindi da un momento all’altro può chiudersi…a proposito mi chiamo Anna e tu?….” ..

” Anna anch’io. Quanti anni hai?… io cinquanta..”.

” Anch’io cinquanta e sono sposata con una figlia che si chiama  Sonia.”…

..” Sonia come mia figlia!… ”

..” Già!!!! … E’ un fatto eccezionale incontrare il proprio opposto!  ..   Sai che siamo esattamente uguali?.. Ho infilato la testa nella perturbazione e ti ho vista! ..  ”

..” .. Sono perplessa, ma la cosa mi piace..  vivi una vita uguale alla mia?….”

…” Non credo, ma solo perché le realtà sono diverse, però qui sono quello che saresti tu se fossi al mio posto..”

.. ” Cioè.. che vita fai? “..

” .. insegno, come te, ma  nelle nostre scuole dove tutto è più tecnologico, ci pagano meglio di voi, sappiamo tutto dai racconti dei viaggiatori fra le due dimensioni, e, poi, sono stata eletta nella commissione del diritto alla felicità e sto facendo un ottimo lavoro, specialmente con i ragazzi….. sono riuscita ad introdurre delle macchine che permettono di sentirsi felici solo quando si apprende una cosa nuova!”

..” Invidia feroce!  Ecco cosa sento! Darei la metà dei miei organi interni per avere la macchina!”

…” Pazienta ! Arriverà presto anche da voi, visto che tutto comincia dalla realtà virtuale.. quella con casco e guanti…..noi non la usiamo più…ormai tutto è diventato micro….. basta un elettrodo sulla tempia e puoi fare……l’amore con chi ti pare o essere gratificato da una torta senza mangiarla davvero, o imparare ed essere felice!”

…” Spero di vederla questa realtà.. per ora comincerò a sognarla..”

.. “Ora la perturbazione si sta chiudendo. Ciao….Se si riapre torn……”

…..” ciao…..”

Madame si riappoggia allo schienale del divano ripensando a quanto vissuto…. Forse è stato tutto un sogno. Lo sguardo si perde nella luce grigia del pomeriggio che entra dalla finestra ……cominciano i primi fiocchi di neve…… Presto sarà Natale.

FAVOLA DI NATALEultima modifica: 2014-12-01T19:06:53+00:00da serenity48
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*