USTIONI GARANTITE!!

scopa a vapore,pubblicità,spot tv,scienza,informazione,culturaPubblicità in tv :

“… scopa a vapore H2O… risparmiate sui detersivi perché basta il vapore a 230° centigradi…”

Si! Centigradi!! Sono caduta dalla sedia per lo stupore! …230°C ?!? Minchia ma di che macchina parlano? Di una scopa a vapore?

Sinceramente non ricordo la formula che mette in relazione pressione e temperatura dell’acqua, ma un getto di vapore a quella temperatura penso non sia molto adatto alle incombenze domestiche.

Se per caso mi scappa una spruzzatina sull’allucione nudo esposto dalla ciabatta? … metto direttamente  la cenere nel portacenere e l’osso lo uso come portafortuna vista l’ustione?

La soluzione del busillis è nella trasformazione da gradi Fahreneith a gradi Centigradi che, per chi ha tradotto lo spot, sembrano essere la stessa cosa.

Ma 230°F corrispondono a 110°C… ed allora ci siamo! (In America l’acqua bolle a 210°F, mentre in Italia, governo permettendo, continua a bollire a 100°C).scopa a vapore,pubblicità,spot tv,scienza,informazione,cultura

Ancora una volta si conferma come in questo paese la cultura sia solo “classica” (congiuntivi e consecutio a parte…), e quella “scientifica” sia un mondo a sé.

Quando si parla di fisica o di chimica o di matematica sembra di raccontare  di un universo parallelo che affascina, ma non coinvolge. Non si pensa che ogni fenomeno che ci circonda o ci riguarda è legato a queste tre discipline.

Eppure fu una mela (si dice) caduta in testa a Newton che innescò quel progresso che ora corre talmente veloce da farmi sentire “vecchia” mentre l’utilizzo nelle sue forme avanzate come questo pc.

Non fu una poesia o trattato filosofico. Magari fu quest’ultimo che gli cadde sul callo che lo faceva soffrire… ma non era elegante dirlo.

Non è forse curioso che perfino il normale “rapporto sessuale” sia stato “investigato” in condizioni di assenza di gravità? Si tratta di fisica anche in questo caso.

scopa a vapore,pubblicità,spot tv,scienza,informazione,culturaE non è curioso che ora si faccia tanto parlare della “cucina molecolare” quando in cucina le molecole ci son sempre state?  (Forse il nome deriva dal fatto che “te lo fanno appena vedere”!)

Quando sento vanterie in merito (per non parlare dei prezzi) “gli atomi” mi girano vorticosamente! Tanto per parlar di chimica..

Entrambe, cultura classica e scientifica,  servono alla formazione dell’individuo, e rifiutarne o sottovalutarne una è formare una persona a metà.

Mi accorgo, osservando la società odierna che mi circonda (media in primo piano), che le cose vengono affrontate sempre più superficialmente.

Fare in fretta e passare ad altro, ecco la nuova frontiera.  (Esempio lampante gli sms senza articoli e con scorciatoie grafologiche come l’impossibile k sostituente il “ch”. Orripilante il “xkè” che unisce un simbolo matematico con due fonetici. Sinceramente quando li trovo scritti  mi viene l’orticaria.)

scopa a vapore,pubblicità,spot tv,scienza,informazione,culturaTornando alla pubblicità, vien detto che “si risparmia sui detersivi” e non vien detto che si spende in corrente. Il consumo infatti è superiore al kilowatt/ora e se non hai i pannelli fotovoltaici con il prezzo raggiunto dall’energia…

Poi c’è l’acqua che devi usare. Deve essere deionizzata, cioè quella che chiamano distillata. A proposito, se non ho letto male, il serbatoio contiene meno di mezzo litro per volta. Cioè un pieno dura…?

Ma per il mondo mediatico la donna intelligente compra cose che puliscono da se, che igienizzano al punto da trasformare i pavimenti in piatti (però non ha il solito marito che entra pestando con le scarpe infangate il pavimento appena lavato), che alleviano ogni sua fatica, dallo stirare 

scopa a vapore,pubblicità,spot tv,scienza,informazione,cultura

al cucinare con pentole che “fanno tutto da sole” (ora manco quelle! C’è un sacchetto che ti arrostisce al punto giusto il pollo, ed “il Trota” non capisce come mai non gli riesca di farlo anche se son due giorni che lo ha sul tavolo di cucina ben chiuso col pollastro dentro!).

La “belladdormentata” volteggia per la casa gorgheggiando felice mentre i “settenani” lavorano in miniera e di che’ si può lamentare dunque?

Ormai il turpiloquio è stato sdoganato, (come lo sono stati certi suoni, che per me son volgari, ovvero le emissioni gassose sia orali che ..dal lato opposto ad esempio,) quindi, pur con riluttanza, mi permetto un sonoro “mmmannateafanc..”!!!

Che ci stà benissimo!

USTIONI GARANTITE!!ultima modifica: 2011-11-03T13:50:00+00:00da serenity48
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “USTIONI GARANTITE!!

  1. Vedo che il tuo finale somiglia al mio finale ;-)))

    Ciao Anna, sto ridendo di gusto, non mi ero accorta di questo nuovo oggetto a vapore, ma quanto a pubblicità confezionata da dementi e destinata a microcefali si, ne vedo tra un tg e l’altro. ;-))

    A te girano le molecole, a me girano gli astrociti e gli oligodendrociti, sempre di misure infinitesimali si tratta e sono i mattoni della massa cerebrale…quella che manca ai creativi e ai beneficiari dei creativi.

    Ora vado a leggere il tuo post del 2008 relativo a Calamandrei ;-))

    Buona domenica Anna ;-)))

  2. … e facciamoci coraggio anche noi , poveri italiani ! Riguardo alla scopa – lavante , che dire !? Forse si potrebbe usarla come ferro da stiro . Oppure pulire i pavimenti col ferro …… Buona domenica ! wally

  3. ih..ih..ih..grazie del passaggio ma come puoi capire “subito” chi vive nel concreto, astratto, filosofia, fantasia, ingegneria (non quella tradizionale ma uso dell’ingegno) che perla per aforismi, assonanze o quant’altro, carico di spirito (inglese?) e definito folle? tu vivi nel concreto umanamente definito, io nel nulla, tutti i miei tag sono -nulla- felice prosieguo cgdg

  4. Sembra assurdo ma a distanza di centinaia di anni l’uomo della strada ancora non si capacita dell’esperimento che Galileo Galilei fece sulla torre di Pisa. Cultura scientifica zero. Di questo passo sostituiremo l’evoluzionismo di darwin con la storiella di adamo ed eva.

    sempre belli i tuoi post
    un saluto,
    Mimmo

  5. … per fortuna c’è quell’invenzione eccezionale: il telecomando! Come parte la pubblicità, cambio canale e mi risparmio gastriti.

    Ciao Anna e buona serata. La pubblicità non credo intenda diffondere “cultura”, se non quella destinata ai decelebrati, i rintronati che, per esempio, fanno la fila di ore fuori da un negozio per acquistare l’ultimo ritrovato tecnologico. Magari anche con una bella rissa!

    In passato, mi ci incavolavo parecchio… forse anche perché, sempre in passato, ho lavorato in quel “settore” e so che bufale riesce a costruire la pubblicità. Per esempio, ero assalito da impulsi omicidi quando compariva la pubblicità di quella famiglia che viveva in un mulino e mangiava biscottini, felice! Li avrei voluti sterminare, io che la mattina mi sveglio che è ancora buio e mi ci vuole quasi mezz’ora per capire chi sono ma, soprattutto, da dove vengo e dove vado!!!!

    Oggi, mi salva il telecomando e la capacità di ignorare qualsiasi “messaggio”, stampato, video o audio che sappia di pubblicità. Semplicemente, li ignoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*