Miiiiii!!! Che “puttanaio”!

Accidenti a me! Son proprio vecchia! Leggere certe cose mi fa arrossire.

Hum444.JPGNon son certo S. Anna vergine e martire,( … oddio! un po’ martire lo sono visto il mio passato d’insegnante,) ma l’educazione morale ricevuta mi rende difficoltoso rapportarmi a questa società esplosa nella più miseranda aberrazione.

Dopo i deputati che vengon beccati con le brache calate, che si fan di coca o di altro, che smazzettano a destra ed a manca, dopo la pedofilia ecclesiastica, dopo lo sdoganamento anche delle bestemmie da parte di Mons. Fisichella, dopo la Noemi minorenne e proclamatasi confidente dell’ultrasettantenne, ora la vita orgiastica del satrapo venuta alla luce, anzi sotto i riflettori!

Che nausea!

Quand’ero giovane il rigore morale era d’obbligo per essere definiti “persone per bene”. In certi casi era solo di facciata, ma limitava di sicuro la libertà individuale di porsi aldilà delle convenzioni.

Oggi è quasi l’opposto. E si vantano pure. E non si curano di quanto sta succedendo…

Un altro militare in “missione di pace” è morto. Un compagno è ferito.

Migliaia di persone sono sull’orlo del baratro della disoccupazione. Migliaia sono nell’incertezza del loro futuro.

I diritti conquistati con la “lotta dura” della mia gioventù son diventati ormai carta straccia nelle mani di questi nugoli di S.B.2.JPG“Yes man” al servizio di pochi che li comandano a bacchetta.

E l’unica dichiarazione altisonante, oltre alla smentita di quanto è emerso, è stata :

Dai pm non vado. Dimissioni? Siete matti, io mi diverto

Ma ti diverti di chè?!? Di star mandando in malora l’Italia?

Nemmeno la decenza di tacere. Tu e quelle scarpe  di gente che porti ai tuoi piedi!

Ormai tutto è lecito, basta soddisfare le proprie voglie siano esse danaro, potere o sesso.

In nomine pecunia si accetta anche di stringere mani appena sfilate dal calore di carni umane, senza provare ribrezzo. E nell’interesse personale si gira la testa dall’altro canto.

Storia racconta di aberrazioni simili, e anche della conclusione a cui son giunte, ma la lezione non è stata imparata.

Voglio assistere alla caduta di quest’impero, che spero  trascini con se  tutti coloro che l’han favorito.

Nel frattempo :

<< ROMA (17 gennaio) – Il ministero dell’Istruzione scende in campo per promuovere le iscrizioni negli Istituti tecnici e professionali, da anni “affetti” da un cronico calo di presenze, nonostante la crescente richiesta di diplomati da parte delle aziende. >>

Ma che cosa vuoi promuovere! La tua incompetenza è già laureata!

Si, perché gli ITIS e i Professionali vivono  di laboratori. I ragazzi devono imparare in tre anni un mestiere specifico attraverso la sperimentazione di laboratorio. Gli elettrotecnici, ad esempio, imparano a fare i circuiti su macchinari a basso voltaggio per non rischiare di restar fulminati.  E i laboratori devono avere apparecchiature  possibilmente non obsolete.

Idem per i chimici, che devono imparare ad utilizzare sostanze potenzialmente pericolose, o i meccanici che devono imparare ad evitare di tranciarsi le dita.

Ed in laboratorio, per disposizione legislativa, su ogni classe ci devono essere presenti tre persone : il docente, il Ship_-_Sinking.jpgdocente tecnico pratico e l’assistente di laboratorio.

Con i tagli alle risorse le apparecchiature te le sogni, con quelli al personale le tre persone spesso non ci sono (l’assistente è su più classi contemporaneamente e il docente tecnico viene spesso “usato” per le supplenze), quindi è logico che la fama degli istituti tecnici sia in caduta libera.

Santa Pazienza! Ma questi chi li ha lasciati uscire da soli! 

Miiiiii!!! Che “puttanaio”!ultima modifica: 2011-01-19T17:32:00+00:00da serenity48
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Miiiiii!!! Che “puttanaio”!

  1. Ciao Serenity e buon pomeriggio.

    Chi ha lasciato uscire “sta gente”, da sola? Oltre la metà degli italiani… se no, a quest’ora erano da qualche parte a fare la fame o a lavorare, come tutti!

    Comunque, il “puttanaio” è la classica cartina al tornasole della moralità del nostro Paese. A parte i “soliti” criticoni, non è che senta diffuse grida di scandalo. La chiesa, per semplice tornaconto, dopo le bestemmie contestualizza pure questo. El pueblo, come lo chiama Tina, se vai ad ascoltarlo…. lo invidia pure!!!!

    Ci vorrebbe un nuovo piano Marshall per il nostro Paese. Non di aiuti economici però ma di uomini destinati a recuperare, diffondere e salvaguardare i princìpi di educazione, moralità e senso civico che tanti nostri concittadini hanno dimenticato.

    Già mi immagino i “campi” di rieducazione e le pene corporali per chi sgarra!! E pensare che c’è stato un tempo in cui ero pure tollerante!!

  2. Io resto indifferente … ma non al senso di nausea … più che altro non è possibile prendere una posizione … o destra o cosa ? … mi sento maggiormente rapresentato da un paio di mutande usate … magari quelle di mr B, perchè no! … tanto oramai più che del suo attrezzo in tv non si parla … secondo me è una reliquia e quando lo faranno santo il moncherino lo conserveranno al vaticano …

  3. Hai ragione ad essere nauseata cara Anna, ma penso che lo siano ormai in tanti, tantissimi e questa volta il puttaniere è in difficoltà come non mai. Ho grande ammirazione per i giudici, che non mollano, hanno un coraggio incredibile e una onestà civica che in Italia tante volte sembra persa.
    Quindi non tutto è perduto, anzi c’è la possibilità di risalire dal baratro in siamo caduti a causa di quel mafioso e dei suoi complici.
    Ciao, buon fine settimana
    Antonio

  4. E’ la rinvicita del malaffare a tutto tondo, ma che si arrivasse alla sfilata delle zoccole da santificare e a minacciare la magistratura rea di fare il proprio mestiere…BASTAAAAA

    Quanto ci va affinchè il popolo lo appenda per le palle sede del suo cervello?

    E se qualcuno le chiama “povere ragazze” come ha fatto Cazzullo sul corriere…povere sono quelle donne che dopo una giornata di lavoro malpagato devono ricominciare in casa…sono solo zoccole e basta.

    Buona giornata amica mia ;-))

  5. Ciao Serenity e buona serata! Ho letto il tuo commento da Tina e… la parte finale la condivido in pieno! Mai, nel mio passato, avrei immaginato un futuro come quello di oggi! I vari Cossiga e Andreotti, al confronto, sembrano tempi felici!!

    Ti auguro un sereno fine settimana e ciao!!

  6. mia cara imica: rassegnamoci siamo dei dinosauri, anche se, a dire il vero, lo sono pure mio figlio con amici e amiche, tutti sui trent’anni e letteralmente schifati! (mio figlio che lavora all’estero dice che si vergogna dei commenti che sente in giro, tanto che, in certe occasioni, usa il francese nei paesi anglofoni e l’inglese nei paesi francofoni, per non esssere tradito dall’accento)

  7. Il pigiama di tuo nonno negli anni venti , mi ha fatto venire in mente il mio primo pigiama ( di solito portavo la camicia da notte ) , messo nella valigia , di cartone , quando avevo dieci anni . Era un viaggio premio di cinque giorni a Firenze per gli alunni di quinta elementare delle scuole di Genova , e fu un’ avventura per tutta la famiglia . Abbracci , baci , raccomandazioni : ero così frastornata che all’ ultimo momento non volevo andarci più , mi obbligarono . E mi dettero una … dotazione di cinque lire , da spendere come volevo . Ne riportai ancora indietro ! Buona serata ! wally P.S. Riguardo al tuo post , non si può aggiungere di più . Oggi , dalla Annunziata , c’ eran Fede e la Daddario , ognuno a balbettare la propria verità . Mi dispiace davvero che trasmissioni che eran serie , si siano abbassate a tanto squallore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*