COSA C’E’ DENTRO AL CRANIO?…

La domanda posta ha una ragione che esula dall’interrogativo “Cos’è l’Intelligenza?” che Monkey2.jpgspesso mi sono posta. Il dubbio ora è più profondo. 

Si sprecano le volte che per semplice battuta ho sostenuto che nella “crapa” di qualcuno c’erano solo tre neuroni: uno per il sistema respiratorio, uno per quello cardiaco ed il terzo per quello idraulico.

Invece questa volta ho la necessità di capire come l’evoluzione della società porti alla modificazione della capacità d’attenzione e d’interesse per i fatti, con la conseguente banalizzazione degli stessi.

Tutto nasce dalla pubblicazione su Facebook di un link : “Afghanistan, la guerra delle donne Fuggono per andare a scuola “, con l’indicazione “ Da Leggere Fino In Fondo, Per Favore…”

Unico commento è stato quello di un mio ex allievo che ha scritto: ” Troppo lungo..”.

burka2.jpgEd io che volevo con questo scritto  trasmettere due messaggi, uno sulla condizione femminile allo stato peggiore di quanto pensabile, l’altro sull’importanza che la conoscenza ha nel progresso umano, percepita da chi è privo anche della libertà di essere, come riscatto alla propria individualità.

Ma la capacità odierna di attenzione non sopporta lettura più lunga del classico messaggio.

ivanhoe2.jpgForse viene anche a mancare l’idoneità a comprendere un discorso complesso. (Anni orsono qualcuno mi disse che Ivanhoe (romanzo storico di Sir Walter Scott) è un libro “difficile”!).

Il problema è che è proprio questa la gente che non è in grado di comprendere di essere strumentalizzata da chi senza scrupoli li usa per suo tornaconto.

E’ questa la gente che finisce per applaudire certe sbruffonate del tipo:

  «Vogliono bloccare il federalismo, la Padania esploderà. Stato delinquente»  <<…Le nostre famiglie sono schiavizzate da uno Stato delinquente che ha pensato a portare via risorse… Attenti alla gente del nord, attenti a non rompergli troppo i coglioni più di tanto…>> dette da Bossi alla festa della Lega Nord di Arcene (Bergamo).somaro!.jpg

Detto, guarda caso, da chi è ministro dello Stato Delinquente!… è un vero delitto di stato!

E poi deborda con il  <<…venti milioni di italiani pronti a seguire la Lega.  >>.

Ventimilioni? Ma questa è ignoranza o megalomania.

Gli italiani sono 60.045.068 (dati  istat.it  2009).

Di questi 10.198.955 sono minorenni e 8.180.311sono ultrasettantenni.

Allora vorrebbe dire che su 41.665.802 cittadini poco meno della metà, donne comprese, son pronti “alle armi”?

La conosco bene questa gente che applaude.

Arcene è ad un tiro di schioppo da dove abito.

E’ brava gente. E’ un popolo geneticamente modificato da un passato di “fame e povertà”. E’ Edu31.jpgil popolo dell’albero degli zoccoli. Nelle cascine si toglieva solo un litro di latte da quello munto per famiglie di sei o otto persone per poter vendere il resto. E si mangiava polenta e latte con il cucchiaio bucato.

Ma allora la povertà era forzatamente anche culturale, perché le braccia servivano nella campagna.

Oggi non è più così. L’industrializzazione ha portato ricchezza. Ma la cultura rimane secondaria per la maggior parte.

E allora se c’è la crisi e qualcuno grida “colpa di Roma ladrona” rispondono “E’ vero!”

E se qualcuno dice che sono i “terù e i nègher” che rubano il lavoro, alzano i pugni al cielo e dicono : “è vero”.

Ma chi è che fa parte del governo “delinquente” nella “Roma ladrona” e giustifica la sua rapacità con il vessillo di un federalismo che gli garantisca maggior potere in loco?

E questa brava gente ci casca come una pera matura.

E viene ripagata con le nuove imposte comunali che colpiranno certo chi, magari per dare unEmpty_Pockets.jpg tetto in futuro ai propri figli, ha comperato una seconda casa, e chi guadagna quindicimila euro al mese o più non paga nulla sulla prima casa (era meglio la normativa precedente con il rimborso dell’Ici sulla prima casa in base al reddito con la dichiarazione annuale). Tanto per non mettere le mani in tasca agli italiani..

E chi ha miliardi di euro investiti in borsa, quello non è toccato!

Siamo alle solite… il ladro di mele in prigione e l’arricchito dal falso in bilancio depenalizzato, il corrotto che danneggia più della pestilenza, il colluso condannato ma prescritto… fuori a far altri danni!

E la donna ricacciata nel suo ruolo di fattrice e schiava viene costretta ad abbassare la testa, pena la morte. 

E la donna viene offesa nella sua dignità  da una società che,  con un ritorno al maschilismo puro pre sessantottino, ha come esempio  un satiro alla direzione del governo e molti sciocchi che lo affiancano e lo assecondano per puro interesse.

Ecco cosa c’è dentro al cranio di questa gente…

Immagine.JPG

 

 

COSA C’E’ DENTRO AL CRANIO?…ultima modifica: 2010-08-05T18:32:00+00:00da serenity48
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “COSA C’E’ DENTRO AL CRANIO?…

  1. Forse non ci sono nemmeno i tre neuroni che citi tu : hanno soltanto , come certi vermi ( o giù di lì ) , un solo tubicino che parte da un orifizio e arriva ad un altro , preposto ad ogni funzione . I 20milioni di “padani pronti a seguire la Lega ” di Bossi , mi ricordano tristemente “la foresta di 8 milioni di baionette bene affilate e impugnate da giovani intrepidi e forti ” di Mussolini . E ci fu chi , alla domanda — volete burro o cannoni ? — , rispose — cannoni — . Come immagini che finirà ‘ sta situazione ?
    Io sono sul pessimista . Buona serata ! wally

  2. Prof non posso che darle ragione su tutto, purtroppo o per fortuna quando si ha la capacità di leggere tra le righe e di analizzare almeno in parte la società e gli individui che la compongono non si può fare a meno che vedere quanto nelle generazioni moderne, dal 95 in poi … per loro i modelli standard o che perlomeno sono stati la base della mia formazione non sono più validi. Le ragazze tornano ad essere “oggetti di consumo” paragonabili a veline velone o alienazioni mentali che hanno una radice comune … l’ignoranza. Ignoranza dilagante, non si è più uguali in quanto esseri umani, l’omofobia imperversa, il negher il culatù e i terù spaventano, perchè “ruban il laurà” … perchè sono diversi e l’ignoranza va a braccietto con la paura del diverso … l’ignoranza è un po come l’abitudine è difficile estirpare la routine è difficile rendersi conto di essere solo dei burattini. Ritengo, anche se spero di sbagliarmi che questa sarà la generazione che porterà il genere umano al 3 conflitto nuculare (citazione simpson ^^) e che la 4 guerra mondiale sarà poi combattuta con bastoni e pietre …

  3. Ma sai che hai proprio pensieri … maligni !? Non sembri nemmeno una Prof , pur se in pensione ! Che tempi , quelli dell’ ultimo tango : ci si scandalizzava ancora . Ora in TV , forse non sono arrivati a quello , ci mostrano però di tutto e di più . Reality vari , pellicole ignobili ed anche poveri , inconsci , animali , filmati ( per amore della scienza ! ) per filo e per segno nei loro momenti più naturali e , giustamente …. animali . Riguardo all’ apolidità ( si dice così ? ) , io da genovese da sette x sette generazioni , sono al sicuro , pura razza nordista .
    I miei figli , col padre oriundo siciliano , son dei mezzo-sangue , ma mio nipote , di madre liguro-sicula e padre sardo-piemontese , temo sarebbe , come te , considerato apolide a tutti gli effetti . Ma sì , ci abbiamo riso un po’ su , domani è un altro giorno ……
    Buona domenica ! wally

  4. L’intelligenza è la capacità di risolvere i problemi che durante l’arco della vita si presentano.

    Detto questo…3 neuroni?

    Gli dai la capacità di avere una parvenza di pensiero?

    Poi, sulle donne avrei qualcosa da dire, se levi di mezzo quelle che vanno a tassametro per raggiungere un fine, le altre non sono disponibili a tornare indietro al pre 68, solo che non hanno la stessa visibilità delle mign…ops delle escort.
    Sul resto concordo pienamente.
    Buon fine settimana Anna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*