E’ PERICOLOSO GIOCARE CON IL FUOCO

Fire_Fighter_-_Cartoon_1.jpgE’ pericoloso giocare con il fuoco specialmente se i cerini li porta un piromane.

E di piromani, dinamitardi e teste vuote riempite di alcool, i novelli “amici” del Shùr Parùn menegnino ne hanno pure troppi! Anzi, li hanno selezionati geneticamente, ed ora sarà ben difficile evitare che dian fuoco ad ogni cosa impedisca il loro cammino.

«Se non ti dimetti uccideremo te o un familiare» minacciano da Venezia… la culla privilegiata dello “spirito autoctono” e del federalismo inteso come autonomia.

Che siano veneziani gli autori della minaccia si evince dalla firma, che è dei «Cavallieri d’Italia Veneto – Friuli – Venezia Giulia» in cui “cavallieri” è scritto con due elle, errore ben noto per tutti i dialettofoni veneti, tant’è vero che mia madre si chiamava Evellina con due elle per un errore anagrafico.Che siano “geneticamente particolari” lo si evince dai commenti dell’ex(?) ministro Zaia al Dancer_-_Cartoon_2.jpgVinitaly:

«Gli incidenti non sono causati dall’alcol». L’invito di Zaia è chiaro: «Bevete due bicchieri di vino e state tranquilli…».

Infatti ! non è l’alcool che causa l’incidente, ma l’ubriaco al volante! Pirla !

Mai sentito parlare di enzimi che metabolizzano l’alcool? E che sono assenti prima della maturità biologica? E che si formano in quantità diverse a seconda delle abitudini alimentari?

Un sorso di spumante a me rende il passo instabile visto che sono astemia.

«E poi (continua) visto che ci siamo, bevetevi anche una buona grappa, perché comunque rappresenta per noi un grande ambasciatore, un grande biglietto da visita internazionale. ».

Tanto per rendere meglio alla guida! Ma li hanno proprio selezionati con il metodo dei quiz : se rispondi esattamente a più di due domande sei scartato!

Prepariamoci a compilare il rosario con le perle del secolo…

Intanto come le bolle nell’acqua sul fuoco, che vengono a galla prima lentamente e poi sempre più numerose, cominciano ad emergere le “perle” del pensiero estremista dei padani:

Baby_with_Jar.jpg23 marzo Vicenza Bambini a pane e acqua Il sindaco sotto accusa” e 8 aprile Adro in provincia di Brescia Brescia, i genitori non pagano la retta e i bambini vengono cacciati dalla mensa. …..È stata la rivolta degli italiani”. Con queste parole il sindaco leghista di Adro Oscar Lancini, ha spiegato in serata perché si è arrivati a non tollerare più la morosità nel pagamento delle rette della mensa, gestita da un’associazione di genitori.

Genitori… adulti… Ma in quale mondo vogliono far crescere i loro figli? In un mondo che non rispetta il proprio futuro, in cui non c’è posto per la generosità, per la giustizia, per l’amore?

Accidenti a tutti loro!

Quello che non ho sentito dire, o trovato scritto è che non si toglie il pane di bocca ai bimbi, non si torturano i figli per piegare i genitori! Si! Perché è la stessa cosa!

Sindaco del menga, associazione del cavolo, consiglio comunale dell’accidenti, prenditela con gli adulti! Sequestragli il televisore, la macchina, il motorino, ma non prendertela con i bambini! Che colpa hanno loro se son nati figli di nessuno anziché figli del sindaco?p002_0_01_1.jpg

Ora neghi loro il pasto, mentre altri stanno brigando per  negare loro la possibilità di costruirsi un futuro migliore, e poi rompi i coglioni con l’aborto?

Neghi la vita che c’è mentre alzi la bandiera di difensore di quella che non c’è ancora? Che senso ha far venire al mondo chi poi dovrà sentirsi discriminato?

 Per cinque anni un piccolo comune del bresciano ha penalizzato i bimbi immigrati … Scuolabus, gli stranieri non hanno diritto alla riduzione” (da Il Fatto Quotidiano del 9 aprile)

Quelli degli immigrati non sono bambini per certa gente, son diversi, hanno altra lingua e cultura, ed allora discriminiamoli così se ne vanno e non rompono i torroni nelle nostre scuole… ed il ministro della Pubblica (D)istruzione non solo approva, ma sottoscrive!

Il peggio è che sta per diventare mamma…

Le auguro un travaglio doloroso e una depressione post partum da sbattere la testa al muro, mentre auguro al nascituro di somigliare ad un membro migliore della famiglia ed una vita serena, visto che i genitori non possiamo sceglierli.

E’ PERICOLOSO GIOCARE CON IL FUOCOultima modifica: 2010-04-09T18:51:00+00:00da serenity48
Reposta per primo quest’articolo

17 pensieri su “E’ PERICOLOSO GIOCARE CON IL FUOCO

  1. Anna, ancora con questa storia del “pane e acqua”!!!Premetto che sono sempre a fianco di tutte le cause che riguardano i bambini: i bambini non si debbono toccare, ma quelli che agiscono dietro di essi, sì , perché sono loro che sbagliano . Mi sembra che questo argomento è stato a lungo trattato e anche strumentalizzato prima delle elezioni ,durante e dopo. Non ne discuto ,perché si è discusso abbastanza ,però voglio dirti che anche da noi è successo un caso simile , a nessuno bambino extra comunitario è stato negato il pasto, ma molte famiglie si sono risentite della gratuità di tali buoni e sai perché ? Perché,nel super mercato, il carrello della spesa dei genitori di questi bambini era spesso pieno di cibo per cani e gatti …Mi puoi rispondere che è un caso , ed è vero ,e proprio per questo non si può generalizzare , ogni singolo caso va visto a sé .
    Scusami , ma mi devi sopportare , non puoi pensare di scrivere solo per quei pochi che ti dicono sempre di “ sì ,è vero , bravissima Anna “ : la verità ha sempre due facce.

  2. Carissimo Elyno, se leggi con attenzione io dico proprio di sanzionare i genitori, magari con il sequestro giudiziale dei beni inutili. Poi, per quanto riguarda i genitori che protestano, per me, sono da una parte condannabili come le stesse istituzioni che rappresentano esattamente loro (non me) dall’altra se non ricordo male la religione cattolica, di cui probabilmente son fedeli, parla di “scagli la prima pietra..” e di “pagliuzza nell’occhio…” che dovrebbe indurli in riflessione.
    Io so solo che chi non ha cura e rispetto per i bambini non ha nessuna possibilità di essere rispettato, ascoltato e compatito.
    A presto, Anna

  3. Io leggo sempre con attenzione i tuoi scritti ,ma alla fine della lettura sento palpabile lo stesso sentimento :gli altri sono tutti colpevoli,quelli senza macchia sono pochi ….e sempre quelli !
    Nella risposta ti vedo più umana, nel senso che ammetti nella manchevolezza dell’uomo ci siamo dentro tutti ,nessuno escluso ,anche se dici ( non me ), quasi lontana da quel probabilmente “son fedeli”,ma sai benissimo che il “son fedeli”non vuol dire la perfezione : Cristo ha affidato il suo messaggio a chi sapeva l’avrebbe rinnegato tre volte ?! E quindi …..nessuno ,proprio nessuno può scagliare la prima pietra ,nemmeno tu …..che invece spesso lo fai . Per la “pagliuzza” e l’ eventuale “trave “sono d’accordo: sono i diversi aspetti che albergano in ogni verità sempre comunque.
    Per quanto riguarda il rispetto dei bambini sono altrettanto categorica e aggiungerei “il rispetto per il prossimo” chiunque esso sia ,è essenziale per guadagnarsi altrettanta stima .
    Solo bisognerebbe spiegare in tutte le sue forme che cos’è il rispetto quello vero , che ti fa crescere, che non ti umilia, che è molto di più della carità , del forzato pietismo che spesso fa più male dell’indifferenza . Infine azzarderei ,a dire , non me ne volere , che rispetto dell’uomo in senso lato , significa anche quello che devo rivolgere anche chi non la pensa come me .Lo so , quest’ultimo è veramente difficile .

  4. Cara Anna, ma quando mai hai detto che dall’altra parte va tutto bene? Che vedi con gli occhi partigiani? Il fatto è che qui si stanno perdendo tutti i parametri di civiltà e quelli che tu difenderesti non fanno la minima obiezione, alla caccia di piccoli inciuci che diano loro la sensazione di fare qualcosa. D’altra parte il fatto che stiamo diventando tutti leghisti è provato INEQUIVOCABILMENTE dal vedere che la Chiesa si è schierate e quelli si schierano sempre con i vincitori per la divisione delle spoglie.
    Matriimoni celtici, riti pagani del dio Po, razzismo e brutale sfruttamento nei confronti degli immigrati non contano più nulla, così come pochi mesi non contavano le escort del Cavaliere, ora in disgrazia perché prigioniero di Bossi, i pluri divorzi suoi e di Casini. Quanta ipocrisia! Che regressione! Meno male che c’è Napolitano che lega Nord e Sud…Anche lui è diventato leghista, accogliendo un elemento (è un complimento) come Calderoli e complimentandosi al Vinitaly con Tosi il sindaco più razzista e secessionista del paese. Scusa lo sfogo sul tuo territorio, ma non ce la faccio proprio più!
    Resistere, resistere, resistere diceva Borrelli, ma hanno fatto fuori anche lui dal Conservatorio di Milano.
    Ciao Anna, con tanto affetto e tanta ammirazione
    Carlo

  5. …. nel frattempo è diventata mamma di Emma . Pare che il nome lo abbia suggerito ( e chissà perchè proprio quel nome ) Berlusconi .
    Ri-commentando il tuo commento al mio post : una ginecola di non so quale ospedale ha detto , non ricordo in quale trasmissione , che gli obiettori di coscienza all’ aborto sono oltre il 90% dei medici ospedalieri . Il 10% che opera , oltre a sobbarcarsi tutto quel lavoro ( definito sporco ) , è malvisto dagli altri 90 . Buonanotte ! wally

  6. Siamo il paese dei balocchi l’ultima ruota di una carro chiamato europa dove ognuno rema quasi per se stesso ma noi non siamo capaci di nulla perchè abbiamo un governo o mei dei politici scandalosi, per non dare altri aggettivi..

  7. Ciao Serenity. Inutile affermare che il tuo post è, come al solito, un chiaro spaccato di ciò che stà diventando il nostro Paese. Mi ha, invece, positivamente incuriosito l’intervento di Elyno a cui vorrei rivolgere una domanda ma non essendoci un link al suo nome, non so’ dove cercarla. Quindi, lo faccio qua.

    A proposito della scuola di Adria su cui, effettivamente, si è discusso molto, vorrei capire una cosa: è vero, le discussioni sono state accese perché credo che “tutti” si siano sentiti in dovere di difendere quelli che sono “fanciulli” che non dovrebbero essere coinvolti in situazioni così spiacevoli (e mi tengo sul soft…)

    Ciò che non comprendo, invece, è come si possa valutare una situazione, criticando anche i genitori degli stessi (ovvero dei bambini discriminati) se non si conoscono le singole storie.

    Mi correggo: io non sono riuscito a capire perché questi benedetti genitori “non pagavano”. Per quante ricerche possa aver fatto, non ho trovato fonti riconducibili a media che abbiano spiegato, magari intervistando i “genitori” morosi, perché gli stessi non pagavano.

    So solamente cosa è successo, spiegato dagli “onesti”. Quindi, fermo restando la condanna per ciò che è stato fatto, ripeto verso bambini, se io non so’ i motivi che hanno indotto i loro genitori a non pagare, come faccio a indignarmi con gli stessi??

    Qualcuno, mi può spiegare perché non pagavano?? Erano genitori disonesti o indigenti??

    Ciao Serenity e buona serata.

  8. Usando l’ospitalità di Anna ,vorrei rispondere a Carlo che mi ha chiamato in causa .
    Non ho un sito mio,però mi intrufolo, bonariamente s’ intende, nei vostri blog e seguo spesso i vostri post ,logicamente qualche volta concordo, altre volte meno .
    Da quello che ho potuto capire ,siete un bel gruppo di amici ,accomunati soprattutto dalle stesse idee , in una realtà molto diversa dalla mia : voi vivete in una realtà ormai politicamente nord leghista che non condividete ,io vivo in una realtà molto centrale ,dove la lega non è presente sul territorio ,premetto che non ho niente contro di loro : sono una che rispetta le idee altrui sempre , senza mai rinunciare alle proprie. Ho sempre rimproverato ad Anna,della quale ammiro il colorito ed incisivo modo di comunicare, di essere troppo di parte ,di ergersi ,a volte, a giudice imperterrito e astioso, poco incline a vedere che spesso la realtà presenta tante sfaccettature e tanti colori .
    Per quanto riguarda l’episodio di Adria, io non so veramente perché i genitori non pagavano, Adria è molto lontana da me ,so che in televisione ,i vari sindaci hanno dato delle spiegazioni abbastanza plausibili ,………non nomino i giornali ,perché tali realtà sono tutte strumentalizzate ,sia in un verso che nell’altro :sono abituata a farmi un’idea mia,analizzando la realtà in cui vivo e le mie esperienze .E tra le mie esperienza c’è quella riportata nel post sopra :genitori che avevano buoni pasto gratis ,compravano però al supermercato cibo per gatti e cani : giusto o no che sia è un episodio accaduto realmente .Questo senza nulla togliere comunque alla eventuale e seria realtà di Adria .

  9. Ciao Serenity… spero non ti dispiaccia ospitare questo scambio d’opinioni con Elyno. Intanto, auguro buon pomeriggio a te ed anche ad Elyno.

    E’ vero, siamo un gruppo che condivide alcuni ideali… non so’ se siamo pure un bel gruppo d’amici!! Più d’uno tra coloro che hanno “idee” diverse dalle nostre, non sarebbe d’accordo!! Non vivo, (fortunatamente per alcuni aspetti) neanche la “realtà” di Serenity perché sono molto centrale anche io!! La capitale con tutti i suoi pregi (la storia ed il clima) e tutti i suoi difetti (i politici) è il luogo in cui vivo!! Della Lega partito ho un’opinione… anche di chi vota Lega ma non è questo il posto per discuterne!!

    Per quanto riguarda i “fatti” di Adria, la mia “indignazione” è espressa unicamente perché le “vittime” certe di quei fatti sono bambini. E’ l’unica certezza che abbiamo perché, come mi confermi anche tu, per il resto non si conoscono i motivi per cui questi “genitori” non pagassero!! Ed io, purtroppo per molti nostri detrattori, sono abituato a sentire sempre tutte le “campane”… possibilmente i sindaci ed i cittadini onesti, per ultimi!!

    Ti dirò, comunque, che neanche su quei giornali che generalmente “strumentalizzano” ho trovato notizie specifiche… insomma, c’è stata gran risonanza di un fatto ma poche notizie reali che avrebbero potuto aiutare le persone a farsi un’opinione. Questo è un altro aspetto su cui molti dovrebbero riflettere. Come farsi un’opinione??

    Non conosco i fatti da te raccontati ovvero di coloro che avevano buoni pasto gratis e compravano cibo per gatti o cani.

    Non metto neanche in dubbio che tu possa, giustamente, considerare riprovevole un fatto del genere.

    Provo a dirti come la “interpreterei” io una cosa del genere: credo che ogni essere umano debba avere il diritto ad una vita dignitosa ed una qualità della stessa che sia soddisfacente.

    Un gatto, per fare un esempio, è qualcosa che concorre ad innalzare la qualità della vita (quella affettiva, dei sentimenti dell’individuo) magari di un bambino ma anche di un adulto.

    Anche mangiare, giustamente e principalmente, concorre ad elevare la qualità della vita. Direi che è essenziale. Esistono però individui che dovrebbe scegliere tra il piatto di lenticchie ed il gatto per il figlio (o se stesso).

    E’ giusto?? Si può vivere solamente, come si dice da me, “per la panza” ed accontentarsi che la “qualità” della propria vita sia tutta lì??

    Oppure qualcuno, nella figura dello Stato e delle Istituzioni che lo rappresentano, dovrebbero concorrere ed impegnarsi affinché la “qualità” individuale della vita dei cittadini si elevasse??

    E se un “buono pasto” serve ad aiutare in tal senso… che scandalo c’è in un carrello che contiene anche scatolette per gatti?? C’è forse stato qualche “onesto” cittadino che pagando la retta mensile ha dovuto rinunciare al gatto??

    Naturalmente, tutto questo senza conoscere i fatti specifici perché, ti ripeto, non conosco le singole storie di quei genitori, quindi… non escludo che potrebbe esserci chi ne approfitta. Non ce lo ha confermato nessuno, però non è da escludere.

    Certo, se sono genitori che viaggiano con il SUV, hanno la fabbrichetta con i lavoratori “a nero”, viaggiano con Rolex d’oro al polso…. e sfruttano pure dei “buoni pasto”, be’… ma fuciliamoli!!

    Tutto qua. Spero di essere stato chiaro… comunque, peccato non hai un blog!!

    Buona serata a te ed a Serenity!!

  10. Non ho un blog ,perché ,nonostante sono anni che navigo nell’etere , non ho sempre il tempo materiale per occuparmi di uno spazio tutto mio ,quindi cerco di recuperare con facebook e facendomi ospitare ,sempre se non disturbo, dai diversi bloggers che incontro strada facendo , logicamente se li ritengo interessanti e rispettosi : in questa piattaforma , ce ne sono di diversi con queste caratteristiche ,devo dire anche il tuo, pur non condividendo del tutto il tuo pensiero: il mondo è bello per questo ,ognuno ha il suoi punti di vista che colorano e riempiono la propria vita.
    Ritornando al nostro contenzioso ,devo dire che sono completamente ,senza mezzi termini,d’accordo con te: ogni essere umano ha il sacrosanto diritto ad una vita dignitosa e di innalzarla con quello che vuole finchè non lede la vita degli altri !Sono un’animalista convinta e rispetto tutti gli animali ,amandoli come creature viventi, ma trattandole come animali ( io ho 10 gatti che scorrazzano liberi nel campo ) e non c’è assolutamente nessuno scandalo a riempire il carrello di cibo per loro . Ma nell’esempio reale ,non trasmesso dai media, che ho riportato, il problema è un altro : capire quali sono le priorità pur non rinunciando ad avere quel qualcosa in più che permette di innalzare la tua vita senza “approfittare” degli altri : insomma si potevano pagare, come tanti onesti cittadini , i buoni pasto dei figli e avere contemporaneamente cane e gatti nutrendoli degli avanzi , come hanno sempre fatto i nostri avi : questo è buon senso ,non c’è da scomodare troppo la politica che strumentalizza qualsiasi episodio a proprio piacimento e non bisogna essere per forza genitori che viaggiano SUV con lavoratori in nero e il rolex al polso , questi per adesso lasciamoli da parte .
    Scusaci Anna .Un saluto a tutti e due .

  11. Nelle scuole dell’ obbligo , in provincia di Genova , la mensa è gratuita , a costo ridotto o a costo intero , a seconda della situazione economica delle famiglie , che viene valutata con la presentazione del Modello ISEE . Mi pare che questo sia piuttosto giusto : non vedo perchè , chi può pagare , non debba farlo . Può darsi che qualcuno ” bari ” , anche se una certificazione falsa è sempre un bel rischio . La retta si paga a fine mese , in base ai giorni in cui i ragazzi hanno usufruito del servizio . Nella scuola di Adro , aver consegnato le lettere di sollecito agli alunni , in classe davanti a tutti ( pur se in busta chiusa ) , è stata una azione inqualificabile . Si doveva telefonare , scrivere , spedire magari una raccomandata nei casi più difficili , sempre però ai genitori , senza mettere in mezzo i ragazzi . Fosse capitata in casa mia una cosa del genere , mio marito , da buon ” terrone ” , avrebbe letteralmente buttato all’ aria la scuola . Qualcuno , a discolpa , ha detto che c’ era chi non pagava da anni . Perchè i fatti non sono stati chiariti man mano che accadevano ? Certo colpa della cattiva sinistra . Ora , per fortuna , è arrivata la Lega ! E perchè , allora , non fa un bel condono , alla Tremonti ? Buonanotte ! wally

  12. Scusami Wally, lo so, non dovrei intromettermi,ma lavoro in una scuola e situazioni di questo genere per svariati motivi le vivo ogni giorno.
    Non so cosa ci sia di male avvisare la famiglia in busta chiusa :la privacy è garantita. E se questa è la prassi , come lo è, normalmente ,nella nostra scuola per ogni avviso delicato indirizzato alle famiglie ,il bambino non dovrebbe aver nessun imbarazzo se la busta si consegna senza commenti, noi lo facciamo per tante comunicazioni .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*