MA LI MEJO MORT…

57480e9aa2efc5d1574b8ad8b03a9a0b.jpgLa commedia all’italiana continua.

Manzoni non avrebbe problemi ad inventare la storia di una coppia “diversa” legata in indissolubile vincolo matrimoniale.

Lei  di nome Lega, figlia di padre (in seconde nozze di rito celtico) dal volto scavato e statico in un’espressione sempre irosa, pronto all’uso di mezzi di persuasione classici d’altri costumi, sempre protetto da un manipolo di bravi  dalla voce baritonal-rauca, e dall’aggressività cinghialesca.

Lui soprannominato il Cavaliere per antonomasia, dagli occhi a fessura a causa di una tensione epidermica poco naturale, dai capelli scuro-tinti innaturalmente rinfoltiti, dalla netta propensione alla goliardia e alla “creazione” di verità inesistenti, con l’innegabile dono del autoritarismo dittatoriale e del piacere orgasmico della circonvenzione.

L’incontro avvenne molti anni fa ed il fidanzamento non fu né indolore né sereno. Ma quando ci son questioni di interesse ..”il matrimonio s’ha da fare!”!! altrimenti il genitore provvederà al riscatto dal disonore.

Ora a nozze concluse, celebrate con libagioni a spese della pulzella, il di lei padre presenta il conto al genero con poche e roche parole : “ .. «Ha già rifatto venti volte il governo e ora bisogna stargli lontano. Abbiamo un accordo e non temiamo niente. Lui stavolta manterrà la parola. Si è sposato con la Lega e ora deve eseguire gli ordini».  (n.d.r.  Pota! Interiezione bergamasca)

Ogni alba illumina le nuove puntate della commedia puntando i riflettori sui vari personaggi, ognuno con la propria piccola storia, come ad esempio l’avversario del Cavaliere che per tener alta la fronte si è inamidato il collo della camicia, o come il “bravo–Porcellum” che continua a prendere di mira chi arriva “da fuori”. (Conoscevo una signora di Lanzo Torinese che dava dei terroni a tutti quelli che erano nati da Torino in giù).

4513eb1b8d760f7a6686fd3e33418085.jpgNel frattempo il V2-Day è stato declassato,  proprio dalla stampa che si dichiara indipendente, a happening musical-comico, con ampie contestazioni per il delitto di lesa maestà nelle richieste referendarie, a dimostrazione pratica che un dito è stato infilato in una piaga.

E sempre nel frattempo nessuno parla dei più di 27 conflitti che stanno avvenendo nel mondo.

Chi è informato che oggi si spara, e si muore, in Palestina, Iraq, Afghanistan, Kurdistan, Cecenia, Georgia, Algeria, Ciad, Darfur, Costa d’Avorio, Nigeria, Somalia, Uganda, Burundi, Congo (R.D.), Angola, Pakistan, Kashmir, India, Sri Lanka, Nepal, Birmania, Indonesia, Filippine, Colombia. E non solo.?!?  

Sicuramente tutti sanno chi ha vinto al “Grande Frittello”, tutti hanno ben chiaro che voleremo italiano con l’aiuto magari di Putin (se non come da chiacchiere di giornata con le Ferrovie dello Stato, che hanno un bilancio solidissimo!)

Ma nessuno sa che  nello Yemen otto ribelli sciiti e tre soldati dell’esercito sono morti questa notte negli scontri avvenuti nella provincia di Saada.a5bfdd2e7ffcd468eeaf0ae9d478dbeb.jpg

Per me costoro sono più importanti  delle beghe tra gente che non mi rappresenta, perché non ha voluto dare alla gente la libertà di scelta anche se si riempie la bocca con le parole “scelti dal popolo”.

MA LI MEJO MORT…ultima modifica: 2008-04-29T18:55:00+00:00da serenity48
Reposta per primo quest’articolo

30 pensieri su “MA LI MEJO MORT…

  1. Quanta umana resistenza tocca imbandirsi.
    Stavolta la musica doveva essere proprio melodiosa…
    tanto che ora tutti fanno silenzio.
    Tengo con me le lettere di Renato Serra. E sul primo scaffale c’è Benjamin. All’università li avevo letti avidamente, imparando.
    Sono i padri traditi del secolo breve di cui nessuno ha memoria. Sono arrivati i falsi Catoni, i molti moralizzatori moralisti. Già il giovane Jacopo Ortis come il vero Uticense diceva
    “Libertà vo cercando sì cara
    a chi per lei vita rifiuta” (Foscolo), perciò credo che al tramonto di un tempo non ci resti che sperare fortemente che possa rinascerne un altro, dove la morale, quella vera torni ad essere fulgida.

  2. Sai una cosa Anna? Questi al contrario dei precedenti il matrimonio lo porteranno avanti, non per altro, ma perchè Bossi ha già scaricato una volta FI e se è ancora in parlamento è dovuto ad un miracolo…se la legge elettorale attuale ci fosse stata allora, la Lega sarebbe scomparsa, esattamente come Rifondazione.
    Si la gente bada solo al proprio orticello, ma questo non deve deprimerti, ma farti incazzare…e menar “fendenti”!
    Ciao, Giorgio.

  3. staremo a vedere. pota. intanto, se ben ricordo, la sede del governo dovrebbe essere spostata a Napoli, almeno un po’, per ilresto, la Lega, che di “celtico” ha ben poco e si è anche inventata il territroio della “nazione padana”, voglio vedere che farà. In realtà, a parte qualche capetto impresentabile, nella Lega lavora anche gente con la testa sulle spalle. Mi fido di più di loro che del cav e dei suoi “scudieri”.
    p.s. c’è sempre qualcuno che è più terrone di te e ognuno di noi è terrone di qualcun altro

    saluti fabri

  4. Sempre pungente e veritiera e benche’ anch’io la penso come te cerco con fatica di lasciare un spiraglino aperto all’ottimismo augurandomi che nonostante tutto le cose cambino
    Buon fine settimana

  5. Ho letto oggi per la prima volta il tuo blog… E’ estremamente interessante. Mi ha fatto piacere che tu abbia visitato il mio scalcinato blog che è ha come fine la satira (anche se a volte tocco politica in maniera frontale)..
    Complimenti per questo tuo angolo di libertà e memoria. E la memoria conta eccome. La memoria è sovversiva diceva Jorge Rafael Videla.

  6. In post di venti giorni fa ho fatto una battuta che poi ho replicato anche a teatro dove ho ricevuto un strana risata:
    “I tupolev russi sono talmente insicuri che perfino gli attentatori di Al Qaeda li temono”.
    ciaooooo

  7. Che ridere… mi piace il tuo modo di scrivere… io sono tornata da una vacanza al mare.. mi sono rigenerata.. e sono tornata alla realtà.. e che realtà ci aspetta? Vedremo.. un bacio Anna e a presto Titti

  8. Sono in tanti che mi hanno chiesto cosa sia la botaclera.. vedi il bergamasco permette di dire a volte parole che non esistono in italiano.
    Ti faccio un esempio: “ol sul splen come l’ha mai splendit” non è traducibile in italiano.. non si può tradurre con “il sole splende come non ha mai ???” quindi si mozza la frase con “il sole splende come non mai”.
    Vedi però ci sono dei casi che addirittura alcune parole non hanno significato come pota, pilabrocc e botaclera appunto.
    So benissimo che pota letteralmente è “l’organo femminile” ma in realtà nessuno lo utilizza in quel senso, tanto è vero che anche i bambini lo dicono tranquillamente.
    Stessa cosa per botaclera… Va beh, per rispondere alla tua domanda: “soi ‘ndac ‘n botaclera” vuol dire sono tornato in rifugio.. ma rifugio in bergamasco si dice rifugio come in italiano
    Va beh, la smetto di ammorbarti con queste pallosissime questioni di lana caprina.
    Ciauuuuuuu

  9. Ehhhhhhhhh…il pony se non ci fosse bisognerebbe inventarlo! Ma questo deve essere per me lo spirito giusto dei bloggers: discussioni e sane provocazioni sono per me il sale della partecipazione.
    Buona settimana, Giorgio.

  10. Ciao! Ieri sera, dopo qualche giorno di attesa, mi è stato consegnata la copia del tuo libro che avevo ordinato. Pur non promettendoti niente, spero di avere il modo di leggerlo presto.
    Un saluto!

  11. Forse “questa gente” non rapprenta una minoranza, ma rappresenta la maggioranza degli Italiani che li hanno votati e credono in loro. E credo che i matrimoni nella destra, durino molto di più dei “matrimoni” di sinistra, dove si inizia a litigare una settimana prima delle “nozze”.
    Per il resto, io sono una che si interessa di politica, di cronaca, di grande fratello e purtroppo delel troppe guerre. Come me molti italiani, che a volte piangono ma a volte hanno voglia di ridere anche…..
    Per il resto, ero passata qui con altro “spirito” 😉
    pronta a dirti che ho finito di leggere il tuo interessante libro, una sorta di diario che mi ha fatto comprendere meglio il vostro lavoro e mi ha fatto conoscere meglio te….Sai che mi sembrava di vederti girare per le stanze o salire le scale all’ennesima chiamata? Non ci crederai ma cosi è stato….;-)

    un saluto caro, Ros

  12. Non so che dirti oggi…nel mio Istituto che sta su tre Comuni 9 perdenti posti, fra questi una collega prossima alla pensione che dovrà completar cattedra d’ufficio a venti Km dalla sua sede di titolarità. In tanti anni di lavoro mai aveva lavorato fuori del suo Paese.
    Cos’altro aspettarsi, oltre il raddoppio del lavoro? L’ennesimo cambio di nomenclatura burocratica e l’ennessimo gattopardismo dei Ministeri.
    Sarà per questo che ho una dannata infantile voglia di vacanza!!!
    Cristiana

  13. Dici bene Anna, la situazione morale e civile è allo sbando ormai, degrado totale. Chi urla e offende da una parte chi dall’altra.Tutto questo non ha colore politico. E quindi certo anche Sgarbi, che non è stato tenero, anche Travaglio, anche tutti.
    E’ ora di dire basta credo alla maleducazione e all’insulto facile.
    Cosa ne è stato della nostra bella telvisione cara Anna? Quei bei programmi, quegli sceneggiati che ancora ricordo….persino la pubbblicità era più bella. Ora, anche quella è sguaiata e sguaiati e volgari sono diventati gli italiani, in gara a chi urla di più a chi la dice più grossa.
    X factor, non lo seguo, o perlomeno mi è capitato a tratti di seguirlo ( a volte anche per intero) ed è vero, ci sono veramente dei ragazzi di talento, con una gran bella voce, come nel caso dell’altra trasmissione della Clerici dove cantano i bambini ma con delle voci meravigliose. Belle trasmissioni, pulite.
    Per quel che riguarda te, ma no, non mi hai spaventata e perchè mai? Avere a che fare con degli adolescenti non credo sia semplice ( ho 2 figli…e non arrivo, pensa una classe intera) occorre quindi avere un carattere più che fermo e deciso, e….anche gli ” urloni ” ( che ridere, mi pareva di vederti) anche quelli servono 😉
    Un bacio, Ros

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*