MACCHECCA..VOLO SUCCEDE ?

Sono stordita dalle novità che affollano ogni giorno la vita quotidiana.

Partiamo dalla novella che “il gatto” Giuliano Ferrara ( mi ha sempre ricordato lo stregatto del cartone animato di Alice nel paese delle meraviglie) vuole presentarsi alle elezioni con un suo partito, dopo aver lanciato, sicuramente non per convinzione ideologica, ma per necessità di “visibilità”, la discutibile “Moratoria sull’aborto”.

Parliamo di uno che si definisce ateo devoto”.. Si, insomma, un modo per lasciarsi aperte tutte le strade! La  stessa persona che nel ’73 faceva parte del PCI con Fassino, poi dieci anni dopo è passata nel PSI di Craxi, finendo in seguito nel governo Berlusconi, e  che, dopo aver “visitato” tutte le testate giornalistiche che lo hanno sopportato e le reti nazionali pubbliche e private, nel ’92 ha fatto la trasmissione “Lezioni d’amore” in cui parlava del sesso assieme alla moglie in una imbarazzante situazione pseudoculturale.

Adesso si attacca al “diritto alla vita” per cercare di cavalcare l’onda retrograda della nuova morale catto-integralista dettata da chi, pur non avendo titolo all’ingerenza negli affari di uno Stato sovrano come dovrebbe essere l’Italia, entra con atteggiamento subdolamente innocente nel dettato delle norme di un Mondo Laico.

La cosa più “schifosa” è però l’uso strumentale che vien fatto delle opinioni di parte, perché se posso accettare chi veramente ci crede, condanno duramente chi perseguendo un obiettivo di “potere” alza una bandiera che non gli appartiene.

Dal polverone levato, probabilmente per nascondere la vacuità delle proposte elettorali, nasce una storia di presunta violazione della legge sull’aborto, e dove? A Napoli, tra vicende di ecoballe, di cumuli di spazzatura, di interessi in affari sporchi. Vien da pensare ad una situazione creata ad arte, infatti tutti si son gettati a compatire la donna trattata senza riguardi dalle “insensibili forze dell’ordine”, e nessuno o quasi ha pensato a giudicare la “fonte” della denuncia, senza la quale non sarebbe stato lecito intervenire, che ha innescato la bomba .

Ciliegina sulla torta, ieri ho letto una battuta del direttore del “Foglio” che dichiarava che avrebbe fatto le analisi per la sindrome di Klineferter, perché anche lui aveva delle anomalie strutturali. Temo che l’esito sarebbe positivo visto che quella malattia porta anche a deficit mentale.

Trovo pazzesco che si possa ancor oggi calpestare con tanta leggerezza il diritto alla libertà di scelta individuale non per convinzione, ma per speculazione.

MACCHECCA..VOLO SUCCEDE ?ultima modifica: 2008-02-15T19:47:04+00:00da serenity48
Reposta per primo quest’articolo

15 pensieri su “MACCHECCA..VOLO SUCCEDE ?

  1. Completamente d’accordo su Ferrara, giusto contollare la fonte della denuncia, ma sulla patologia (nel blog di Carlo Gambescia,lo trovi nei miei links) ho scovato questo commento. Io non sono medico quindi mi limito a segnalare:

    Per amore di verità:
    il quadro clinico della sindrome di Klinefelter offertoci da Clelia Mazzini non sta né in cielo né in terra e non mi sembra altro che una raffazzonata sintesi presa da Wikipedia Italia. Altro che “chiarezza sotto il profilo medico e scientifico”! (e questo sta falsando il tono del dibattito che ne è seguito…)

    Sono un medico e mi permetto, anche per esperienza personale, di DISSENTIRE COMPLETAMENTE. I dati sulla mortalità in età pre-puberale per… prolasso della valvola mitrale sono semplicemente RIDICOLI.
    Esiste sì un rischio più elevato di diabete mellito o di malattie della tiroide; c’è la ginecomastia, la sterilità (ma con funzione sessuale conservata), ci può essere (ma spesso non c’è affatto) un lieve ritardo mentale, il rischio di carcinoma della mammella è sì 20 volte superiore rispetto ai maschi, ma 5 volte inferiore rispetto alle femmine.
    La stragrande maggioranza dei Klinefelter raggiunge e supera l’età adulta. Sicuramente ciascuno di noi ne conosce qualcuno, molto probabilmente senza saperlo.
    Franco Serafini

    CIAO E BUON W-END, GIORGIO

  2. Ciao Anna, l’aborto è un discorso maledettamente complicato e a volte mi pento di essermici essere infilato, anche se credo in quello che sostengo.
    Su Di Pietro probabilmente hai ragione tu, tra non molto ne avremo, o no, la conferma del se rimane così.
    Buon fine sett., Giorgio.

  3. Credo che molto dovrebbe dirci la nostra coscienza su cio’ che e’ giusto o sbagliato soprattutto su temi come l’aborto, lo sforzo di tutti dovrebbe essere quelo di sentire la voce della coscienza .
    Tutto il resto e’ falsa moralita’, ipocrisia e strumentalizzazione
    Per quanto mi riguarda rispetto la vita da quando si manifesta a quando termina cosi’ come rispetto la scelta di una donna che si vede costretta a rinunciare al dono piu’ grande che e’ quello di dare Luce alla creatura che ha in grembo. Non trovo scuse per chi risolve il problema delle proprie responsabilita’ sopprimendo la vita umana
    Una buona domenica

  4. tranquilla….il caffé l’ho bevuto neanche mezz’ora dopo. Anche io ne bevo molto (forse troppo) . Sai che ti dico di Napoli e la spazzatura? mi ricordo una vecchia poesia che recita pressapoco così : ” ‘ncoppa a nu muntone e monnezza ce steva nu canillo…….” credo che sia una poesia di Salvatore Di Giacomo e come vedi il problema già si poneva. per il resto solo i carabinieri potevano andare ad arrestare un feto (non avendo generalità poteva sempre confondersi tra la folla…)

  5. Il buon Ferrara rappresenta il tipico esemplare che esercita la sottile violenza della falsità, della calunnia, dell’affabulazione perversa. Non è l’unico; comunque è abile. Violenza subdola e pericolosa; il ciccione dovrebbe essere mandato in qualche isoletta sperduta a procacciarsi il cibo pescando. Invece rimane tra i coglioni… Unica via d’uscita, non ascoltarlo. Mai.

  6. Ho dovuto subire l’altro giorno in ufficio una paradossale analisi anatomo-politico-gossip del ciccione sudato. Non ho mai sopportato i trasformisti. Lui è andato oltre, dal PCI a ministro di Berlusca. Se ce li ha piccoli mi spiace per lui. A me come coglione è sempre sembrato piuttosto grosso. Buonanotte.

  7. Uomo intelligente, d’indiscutibile intelligenza, Ferrara perchè per essere manipolatori tocca essere per forza intelligente, non certo integerrimi.
    Agitatore d’opinioni, nocumento della definizione di terziarità e di libera opinione, di neutralità che dovrebbe animare il giornalista, uomo perennemente schierato, purchè schierarsi significhi agitare e probabilmente ottenere, di nessun partito in realtà che non di se stesso. Finalmente Anna almeno il dado è tratto: finalmente è palese. Gioca per sè. Per i propri interessi.
    Anche se ritengo l’aborto una non soluzione, un’estrema ratio, che difficilmente riesco a concepire, anche se credo nella difesa strenua della vita, non posso non trovare piuttosto pretestuosa questa richiesta di moratoria.
    Come tu dici un bell’espositore, una comoda vetrina in previsione di qualche privilegio parlamentare.
    Sono felice che tu mi abbia linkato, anzi te ne ringrazio.
    Cristiana

  8. …”Trovo pazzesco che si possa ancor oggi calpestare con tanta leggerezza il diritto alla libertà di scelta individuale non per convinzione, ma per speculazione”… non si vuole calpestare il diritto di libertà di scelta, ma porre all’attenzione un problema che esiste. Si può fare di più per aiutare le donne. In sostanza il discorso è tutto qui. Credo che il tema sia di tale importanza che se anche l’avesse sollevato Stalin sarebbe giusto concentrarsi sul problema e, in problemi come questi, confrontarsi, senza pensare troppo al passato di chi l’ha proposto. Ciao, Guido.

  9. PER CRISTIANA
    Avevo scritto una lunga risposta, ma virgilio l’ha buttata nel lavandino! Scrive che il sito è in “manteinance”.Sono arrabbiata perchè solitamente salvo quello che scrivo, ma questa volta non l’ho fatto! Grrrrr! Comunque avevo scritto che abbiamo veramente molte cose in comune, ed anche molte diversità legate alle esperienze di vita. Nel mio sito (Link “Anna e Non solo chimica”) trovi la mia biografia e qualche altra favola.. Un abbraccio, Anna

  10. La piattaforma ha fatto anche alla sottoscritta questo bello scherzetto…pensa che oggi solo ora sono riuscita ad entrare nel mio sito.
    Inoltre credevo che un mio scritto destinato ad un’amica avesse fatto la stessa fine del tuo indirizzato a me.
    Carissima felice che tu abbia lasciato il link della recensione nel sito dei colleghi.
    Io ti faccio pubblicità anche nel mio piccolo…
    poi controllo favole e biografia e in settimana batto un colpo.
    Ciao Cristiana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *

*